Champagne Albert Le Comte, il nuovo Luxury Brand di Fabrice Goux e Daniela Libero

Champagne Albert Le Comte, il nuovo Luxury Brand di Fabrice Goux e Daniela Libero

Nasce il Luxury Brand
Champagne Albert Le Comte

Un nuovo brand di lusso ha fatto recentemente il suo ingresso sul mercato italiano: Champagne Albert le Comte, declinato nelle quattro cuvée intense e profumate Brut Grande Réserve, Brut Rosé de Saignée, Blanc de Noir Cuvée 787 e Blanc De Blanc Suprême.

I co-fondatori del brand – Fabrice Goux e Daniela Libero – ne raccontano la storia e le caratteristiche.

“Sono da sempre legato alla cultura antica della Côte des Bar (Aube), culla dei grandi champagne e territorio coltivato con rigore e grande passione da dieci generazioni, luoghi dove ho passato la mia infanzia, accompagnando spesso mio nonno Albert nelle vigne, nelle cantine e presso i suoi amici champenois. Dopo ogni acquisto, degustavamo sempre lo champagne insieme, in un momento che era per noi un vero rituale per noi. Ad ogni occasione in casa c’era almeno una bottiglia speciale riposta nella sua cave di pietra, conservata e pronta per essere degustata. Albert Le Comte è nato pensando a lui, grande cultore e intenditore di champagne. E’ con lui e da lui che ho imparato ad apprezzare la dedizione e l’attenzione ai dettagli dei produttori, il loro attaccamento al terroir e la consapevolezza di far parte di una storia comune, condividendo una tradizione d’eccellenza” spiega Fabrice Goux. “ La passione, col tempo, è diventata un vero lavoro e mi sono dedicato all’importazione e alla commercializzazione di champagne sui mercati esteri. Quando poi ho incontrato Daniela, è nato un sodalizio che ci ha portato alla creazione di un nostro brand”.

“Le cuvée Albert Le Comte sbocciano da un assemblage ricercato, nato dalle uve nobili Pinot Noir e Chardonnay, ricavate seguendo un metodo che si tramanda da oltre duecento anni e, per Blanc de Blanc e Blanc de Noir, lasciate riposare in botti di rovere e in anfore di terracotta italiane” aggiunge Daniela Libero, imprenditrice, di Courmayeur e francofila, da sempre innamorata della cultura dello champagne.
Il processo di vinificazione – dalla selezione delle uve alla fase finale dell’invecchiamento – è scrupolosamente supervisionato dallo chef de cave, custode di abilità e conoscenze affinate e perfezionate nel corso di più di due secoli, con un’esperienza maturata nella selezione di champagne per importanti istituzioni, locali alla moda e grandi chef come l’Assemblée Nationale, il Crazy Horse e Paul Bocuse. Il risultato è uno champagne delicato, fruttato e dall’identità decisa, caratterizzato da un bouquet di profumi e da un’inebriante leggerezza – qualità dovute in maniera particolare al terreno argilloso-calcareo della regione di provenienza, atto a trattenere l’umidità nelle stagioni più piovose e a rilasciarla nei periodi più secchi.
“Le noostre esclusive cuvée sono tutte caratterizzate da una bollicina fine e molto persistente, grazie ad un invecchiamento minimo di 36 mesi: il Brut Grande Réserve è uno champagne raffinato e di carattere, dal sapore minerale,  ricco e fruttato; la cuvée  Blanc de Noir Cuvée 787, vinificata in bianco al 100% in purezza, seduce il palato grazie alla sua intensità e complessità, rivelando toni maturi; lo champagne Brut Rosé de Saignée, dal colore rosa framboise, è una cuvée equilibrata e dagli aromi di ribes e mora; il Blanc De Blanc Suprême, infine, fiore all’occhiello di Albert Le Comte, ottenuto da sole uve Chardonnay e leggermente barricato, è uno champagne raffinato e seducente” aggiunge Fabrice.
Conclude Daniela: “Gli champagne Albert Le Comte sono particolarmente adatti per accompagnare le celebrazioni importanti e i momenti da ricordare”.
Lo Champagne Albert Le Comte è certificato “Terra Vitis”, un marchio di cui si fregiano i viticoltori francesi che rispettano la natura e l’uomo creando cuvée artigianali con un ciclo di produzione che garantisce la qualità ottimale del prodotto. E’ prevista a breve anche la certificazione Kosher.
www.champagnealbertlecomte.com

 

Redazione Newsfood.com

Leggi Anche
Scrivi un commento