Cremona – L’assessore provinciale alle Infrastrutture Fiorella Lazzari non ha aspettato l’approvazione della mozione presentata da tutti i gruppi consiliari in merito
all’annunciata chiusura al traffico pesante da parte del sindaco di Cassano d’Adda del ponte sulla statale 11 Padana Superiore.

Poiché sembra essere scontato il voto favorevole alla mozione, e vista l’urgenza di intervenire sulla vicenda, poiché se non interverranno fatti nuovi il ponte verrà chiuso
dal prossimo 24 marzo, l’assessore ha fatto propria la richiesta contenuta nella mozione unitaria per un intervento sulla Regione Lombardia. E’ così già partita una lettera
indirizzata all’assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilità Raffaele Cattaneo nella quale la Provincia di Cremona chiede che la Regione «si faccia carico della convocazione
di un tavolo finalizzato ad affrontare il problema della congestione dell’area, che veda la partecipazione degli Enti territoriali interessati alle strade che dovranno ricevere il traffico
pesante dirottato dalla Cassanese».

Subito dopo ha scritto al vicesindaco di Rivolta d’Adda, Ivan Losio, che aveva sollevato il problema con una lettera alla Provincia, per informarlo sia della mozione che della richiesta
già avanzata alla Regione.

La mozione che verrà discussa in consiglio provinciale mercoledì 27 febbraio, e firmata dai consiglieri Pierluigi Tamagni (Partito democratico), Giuseppe Fontanella (Forza
Italia), Andrea Ladina (Verdi), Nicoletta Massobrio (Gruppo delle libertà), oltre alla richiesta di istituzione di un Tavolo regionale di confronto affinché venga scongiurata la
minaccia del sindaco di Cassano, fa appello a un maggior senso civico di tutte le figure istituzionali che operano nel nostro territorio, in particolare ai responsabili delle strategie
amministrative locali, e chiede al sindaco di Cassano d’Adda di non attuare la minaccia dichiarata.