La Festa Nazionale del Pane Fresco 2007, ha concluso a Roma le manifestazioni indette dal Pio Sodalizio dei fornai romani per ricordare, nei dovuti modi, una data davvero storica: i cinque
secoli, trascorsi quest’anno, dal giorno in cui venne iniziata la costruzione della chiesa dedicata alla loro celeste patrona, la Madonna di Loreto. Quell’atto segnò l’inizio di una
nuova fase nella presenza e nella crescita sociale dei panificatori di Roma.

La storia

Cinquecento e più anni fa, un gruppo di fornai marchigiani si trasferì nella Città Eterna portandosi dietro l’immagine della Vergine lauretana. Qualche anno più
tardi, nel 1500, in seno alla Corporazione o Università dei fornai, nacque la Confraternita, organizzazione di mutua assistenza, con carattere spiccatamente religioso, nella quale si
riconoscono, con pari dignità e diritti, datori di lavoro e prestatori d’opera.

Tra le prime iniziativeli questa organizzazione, fu l’acquisto di una antica chiesetta vicino alla sede, nei pressi dell’attuale piazza Venezia, dove venne esposta l’immagine della Madonna di
Loreto, scelta come protettrice della categoria. Nel 1507, l’ormai consolidata Confraternita poteva dare il via alla costruzione di un nuova e più ampia chiesa, sui progetti di Antonio
da Sangallo il Giovane. Insieme alla chiesa e alla nuova sede sociale, venne realizzato anche un ospedale che guadagnò grande fama e che ebbe tra i suoi primi ospiti anche Michelangelo.
L’ospedale è stato chiuso solo qualche decina di anni fa, a seguito di una tra le tante riforme sanitarie con le quali lo Stato non è riuscito a risolvere i problemi del Paese in
questo settore.

La storia della Confraternita, oggi Pio Sodalizio dei fornai romani, è dunque profondamente legata alla storia e all’evoluzione sociale della città e continua ancora oggi, nelle
forme moderne, la propria attività assistenziale. Per questo, la dirigenza dell’Associazione provinciale panificatori, guidata da Bernardino Bartocci, e la presidente del Pio Sodalizio,
Patrizia Massi, hanno voluto il cinquecentesimo anniversario della chiesa venisse ricordato con particolare solennità.

Le manifestazioni

Giovedì, 17 maggio – Le celebrazioni del Pio Sodalizio sono state aperte con un convegno sul tema, che si è svolto nella suggestiva cornice della Villa Piccolomini. Tra gli
ospiti, il presidente del Consiglio regionale del Lazio, on. Massimo Pineschi e il presidente della Federazione italiana panificatori, Edvino Jerian. Nel corso dell’incontro, presenti anche
rappresentanti della Flai-CGIL, è stato illustrato il progetto per la realizzazione di una scuola per l’arte bianca, in grado di rispondere alle attuali esigenze di nuove e più
complesse professionalità. Una iniziativa, ha commentato Patrizia Massi, che esprime un modo diverso di interpretare il termine “assistenza”. Dopo il convegno, si è svolto un
incontro con i giornalisti. L’incontro si è concluso con un rinfresco offerto negli stand eretti all’esterno della Villa Piccolomini, dove gli ospiti hanno potuto degustare prodotti dei
forni.

Venerdì, 18. Serata di gala a Villa Piccolomini, presenti oltre duecento persone. L’orchestra da camera dei Solisti di Perugina ha eseguito musiche di Mozart, Boccherini e Respighi.

Sabato, 19. Messa solenne nella chiesa della Madonna di Loreto, concelebrata dal Cardinale Sebastiani e da Monsignor Belli, rettore della chiesa. La cerimonia è stata resa
particolarmente suggestiva dagli interventi del coro della Basilica di San Giovanni, che ha eseguito musiche sacre.

Domenica, 20. Raduno di tutti i soci del Pio Sodalizio presso un grande albergo alle porte della Capitale, per il tradizionale incontro conviviale.

Il concerto all’interno della chiesa di Santa Maria in Loreto (clicca per ingrandire) Mercoledì, 23 maggio, le celebrazioni del Pio Sodalizio dei fornai romani sono state concluse dalla
giornata dedicata alla Festa Nazionale del Pane Fresco. La parte ufficiale di questa manifestazione, organizzata dall’Associazione provinciale panificatori, ha avuto ancora al centro la chiesa
della Madonna di Loreto, dove si è svolto un suggestivo concerto di musica classica e sacra. All’esterno della chiesa, invece, alcuni stand con esposizione di prodotti e di antichi
attrezzi da lavoro e dimostrazioni di preparazione del pane. Per la curiosità dei grandi e l’entusiasmo dei più piccoli.

www.fornaioamico.it