La teoria sarebbe questa….:

COME SCRIVERE UN COMUNICATO STAMPA. Per prima cosa è importante che il testo del CS sia chiaro e incisivo: il destinatario deve capire subito di cosa si sta parlando, ovvero la “notizia” da diffondere. Deve inoltre essere esaustivo ma sintetico: possibilmente non oltre una pagina … ecc

Già ma di comunicati stampa “perfetti”, fatti nel giusto modo, caro collega… , con preghiera di di pubblicazione…, ne riceviamo a centinaia e la redazione cerca di estrapolare news interessanti ma soprattutto dà priorità a quelle delle aziende con le quali c’è un rapporto commerciale (non ci vergognamo a dire che anche noi per sopravvivere dobbiamo sottostare alle regole del vil denaro … ma cerchiamo di pubblicare notizie attendibili e non bufale o false promesse di aziende poco affidabili).

Oggi ci è pervenuto un comunicato stampa, diciamo insolito, non convenzionale, che ci ha scosso e ci ha fatto sorridere.

Eccolo. Lo riportiamo integralmente e gli facciamo i complimenti per essere riuscito a farsi notare (e pubblicare … a gratis!) … ma lo andremo a trovare nel suo stand e assaggeremo (… a gratis) il suo Pignoletto, la sua Barbera… (almeno lo speriamo).

Giuseppe Danielli


Inizio messaggio inoltrato:
Da: “WWW.STUDIOBOTTONELLI.IT – Bologna” <[email protected]>
Oggetto: NON E’ UN INVITO AL VINITALY…
Data: 13 aprile 2018 22:27:39 CEST
A: “WWW.STUDIOBOTTONELLI.IT – Bologna” <[email protected]>

Lo so …. Lo so…. Non è una notizia, si ricevono 2000 comunicati e inviti tutti uguali, che palle questi uffici stampa ecc. ecc.…
Bene, come alcuni sanno, anch’io sono giornalista oltre che (ora primariamente) produttore di vino, e ho capito come va il mondo da questa parte della barricata.
E difatti NON vi inviterò al padiglione 9, zona E16 D17 (aziende Associazione Matura), dove sono personalmente presente come azienda MANARESI: noi vogliamo i buyers e gli operatori, altro che giornalisti…

PS SCHERZAVO DAIIII!!!

In realtà ho una notiziolina…. Presentiamo una nuova etichetta, secondo me molto bella. Vedi sotto
Un caro saluto

Fabio B.

Comunicato stampa n. 2 – aprile 2018
LA CANTINA MANARESI AL VINITALY CON UNA GRANDE NOVITA’: FLORA ITALICA, UNA BARBERA 2015 COLLI BOLOGNESI DOC CON UN’ETICHETTA DAVVERO SPECIALE. E POI IL NUOVO CONTROLUCE 2015 (‘STAR OF DESIGN’ PER HARPERS WINE) E LE NUOVE ANNATE DEI VINI BIANCHI 2016 e 2017.

Un nuovo vino per la cantina Manaresi di Zola Predosa, nel cuore dei Colli Bolognesi. Si chiama FLORA ITALICA ed è una Barbera Colli Bolognesi doc 2015, un rosso importante, con affinamento in botte grande di rovere di Slavonia. A 9 anni dall’esordio della cantina, si tratta della sesta etichetta, che va ad affiancare le 5 già presenti in gamma. Le prime uscite pubbliche per FLORA ITALICA dopo Prowein, l’importante fiera internazionale tenutasi a Düsseldorf dal 18 al 20 marzo scorso, è proprio il Vinitaly di Verona (al padiglione 9, stand E16 – D17, con le aziende dell’Associazione Matura), dal 15 al 18 aprile 2018.

Manaresi presenta poi in assaggio al Vinitaly la nuova annata 2017 dei suoi bianchi: il Colli Bolognesi Pignoletto docg frizzante, il ‘Duesettanta’ Colli Bolognesi Bologna Bianco doc; e poi il Colli Bolognesi Pignoletto docg Classico Superiore 2016, il  nuovo ‘Controluce’ Colli Bolognesi  Bologna Rosso doc 2015 (appena premiato dal magazine inglese Harpers Wine con il massimo riconoscimento ‘Star of design’, oltre che con ‘Star of Emilia-Romagna e Marche’, nel concorso Harpers Wine Star Italy); infine l’altro cavallo di battaglia, il Colli Bolognesi Merlot doc 2015.

Nuova etichetta: FLORA ITALICA


Il nome FLORA ITALICA è un omaggio all’illustre naturalista Antonio Bertoloni (1775 – 1868), autore dell’omonimo monumentale trattato di botanica ancora oggi riferimento scientifico della materia. Il Bertoloni possedeva un tempo la collina e la sovrastante omonima storica Villa Virginia, a  Zola Predosa, sede estiva dei suoi studi, prospiciente l’attuale vigneto di Barbera ora di proprietà dell’azienda Manaresi.
Da un punto di vista dl visual design, la nuova etichetta FLORA ITALICA è originale e innovativa, ma in linea con lo stile delle altre bottiglie. Le prime quattro etichette uscite fra il 2010 e il 2011 (Pignoletto frizzante, Pignoletto Classico, Duesettanta, Merlot) sono ispirate all’arte di Paolo Manaresi, importante pittore e incisore del novecento al quale la nipote e attuale titolare Donatella Agostoni ha dedicato la cantina (il logo aziendale Manaresi è la firma stilizzata dell’artista). Etichette stereometriche, essenziali, come cornici che mettono in mostra il vino (primo premio Immagine coordinata International Packaging Competition al Vinitaly). Una linea curva, irregolare, disegna invece il profilo del volto maschile della quinta etichetta uscita (nel 2012), il Controluce Colli Bolognesi Bologna Rosso doc, espressamente dedicata al nonno artista Paolo Manaresi riprendendo la silhouette tratta dal suo dipinto ad olio “Autoritratto Controluce” (premiata con l’Etichetta d’oro International Packaging Competition al Vinitaly).

A questa, quasi virando verso una grafica ‘organica’, si affianca ora FLORA ITALICA, con il profilo femminile e sinuoso di una mitologica Flora, la dea romana e italica della fioritura. Ma una ‘NOVELLA’ Flora, perché la sua silhouette, i suoi capelli, il suo atteggiarsi sono quelli di una donna contemporanea, di carattere. Così pure come contemporanei sono i fiori, i petali e gli steli colorati che in basso introducono una sorta di collage informale.

Un’immagine femminile di forte impatto (quanto, prima, il Controluce era ‘maschile’): la grafica speculare dell’etichetta esprime volutamente questo genere. E’ la prima “donna” nei vini della cantina, e compare ben due volte sulla nuova bottiglia, se la si ruota a 360 gradi, spiega l’architetto Paolo Capponcelli, di Panstudio Architetti Associati, che insieme all’architetto Donatella Agostoni, titolare della cantina, ha progettato la nuova etichetta, in collaborazione con l’agenzia grafica Design People.
Non si distinguono infatti un’etichetta principale e una contrapposta retroetichetta, perché di fatto entrambe – etichetta e retroetichetta – si susseguono lungo la circolarità cilindrica della bottiglia, per dar forma in negativo alla figura femminile di Flora, che si staglia sul nero totale del vino rivelato dalla trasparenza del vetro.
Non solo, la etichetta e la retroetichetta, osservate singolarmente, con i loro frastagliati profili, rivelano un’estetica autonoma, quasi strappi della carta, con una loro informale poetica e una propria forza espressiva, che dà la vera sostanza di questa originale confezione. La bottiglia, insomma, è un tutt’uno senza soluzione di continuità tra etichetta-retroetichetta e vetro, che si modula con impressioni visive e sensazioni diverse a seconda della posizione da cui la si osserva.

L’immagine di donna, in FLORA ITALICA, è un voluto riflesso del suo contenuto intrinseco: la Barbera, uva e vino già normalmente declinati al femminile, è per Manaresi femminile in tutte le sue connotazioni più alte: di carattere forte ma nel contempo suadente, con note morbide e rotonde, quasi flessuose, bilanciate da una floreale freschezza e una ‘piccante’ acidità . Viene affinata diversi mesi in botte di legno di rovere di Slavonia da 25 hl.

Per quanto riguarda gli appuntamenti primaverili-estivi in azienda, la cantina Manaresi, intitolata al pittore e incisore Paolo Manaresi (nonno della contitolare Donatella Agostoni), si muove fra i terreni che sono più nelle sue corde, fra arte, design e accoglienza enoturistica. L’azienda è aperta tutti i giorni alle visite, e sta diventando sempre più spesso una meta di wine tour di enoturisti da tutto il mondo, guidati direttamente dai proprietari Fabio e Donatella in lingua inglese.

In particolare, ecco un’anteprima fra gli eventi in programma durante la primavera-estate:

Sabato 16 giugno 2018, serata di apertura di Zola Jazz&Wine. Per questa edizione della rinomata rassegna musicale, Manaresi ospiterà un concerto in vigna al tramonto (dalle ore 18), con picnic, in uno spettacolare punto panoramico con vista su Bologna. Suonerà il gruppo Accordi e Disaccordi.

Sabato e Domenica 26-27 maggio 2018, arriva il grande, festoso wine day di Cantine Aperte, evento nazionale del Movimento Turismo del Vino. Il programma prevede, oltre alle consuete visite in cantina e alla vendita diretta delle nuove annate dei vini, degustazioni guidate, e molte altre sorprese, tra cui, alle 10, un mini trekking guidato (di 1,5 ore, e 150 metri di dislivello totale in salita) fra vigneti e punti panoramici lungo sentieri, sterrate e cavedagne delle sorprendenti colline di Zola Predosa, attraverso i terreni dell’azienda e non solo. In più, abbinamenti gastronomici (in definizione) grazie a partnership con aziende agroalimentari del territorio. Quest’anno il winetrekking avrà una sorpresa, con un percorso leggermente diverso, e un focus sul nuovo vino FLORA ITALICA. Lo street food a base di prodotti da forno e tigelle con pesto sarà a cura del fornaio Scuola di Pane, di Savigno

Venerdì 10 agosto 2018 Calici di Stelle è ormai un appuntamento classico di Manaresi: sulla terrazza panoramica e nel parco, degustazione dei vini, musica di sottofondo, contemplazione del cielo, con un abbinamento a una cucina particolare, non necessariamente del territorio, a cura ogni anno di uno chef di grido come guest star.

Presenza al Mercato Ritrovato, piazzetta Pasolini, Bologna (Cineteca):
Sabato 5 maggio ore 9-14; lunedì 11 giugno ore 17-23; lunedì 23 luglio ore 17-23; sabato 13 ottobre ore 9-14; sabato 10 novembre, ore 9-14
Durante luglio, poi, ci saranno probabilmente due serate tematiche ‘sorpresa’, al tramonto, sulla terrazza panoramica – su questo e tutto il resto saremo più precisi in seguito!

INFORMAZIONI:
MANARESI, loc. Podere Bella Vista, via Bertoloni 14-16,
40069 Zola Predosa (BO), tel. 335 7070453, 335 8032189, 051 751491
www.manaresi.net, [email protected]

STUDIO DI GIORNALISMO Fabio Bottonelli
c/o AMBOS, via Chiesaccia 9, 40053 loc. Crespellano. Valsamoggia (BO), Italia
+39 3358032189, + 39 051 6509605, fax +39 051 739133
www.bestroutes.it
www.studiobottonelli.it , [email protected] ;
www.manaresi.net

SITO-BLOG PERSONALE

FACEBOOK: https://www.facebook.com/fabio.bottonelli

sede legale e ragione sociale:
Fabio Bottonelli
via de’ Buttieri 2 – 40125 BOLOGNA – I
P. I. 04323290371
PEC: [email protected]

 

 

 


Ecco, adesso sapete come si deve  fare un comunicato stampa per Vinitaly 2018 . Vedremo cosa escogiterà Fabio per il Vinitaly 2019 quando l’architetto Paolo Capponcelli, l’architetto Donatella Agostoni (titolare della cantina) ha progettato la nuova etichetta e l’agenzia grafica Design People presenteranno un nuovo e intrigante progetto  da lanciare di questa levatura creativa. Bravi!

Giuseppe Danielli
Direttore e Fondatore Newsfood.com

 

Vedi altri articoli e video  Vinitaly 2018 su Newsfood.com:

Articoli e video 150° Carpenè

Video e interviste a Vinitaly 2018

Tutti gli articoli e video di Newsfood Vinitaly 2018

Redazione Newsfood.com