“La forte crescita delle esportazioni agroalimentari ‘made in Italy’ conferma il ruolo trainante del settore e la scelta vincente della qualità delle nostre produzioni”, è quanto
sottolinea il presidente nazionale della Cia-Confederazione italiana agricoltori Giuseppe Politi in merito ai dati di agosto del commercio estero verso i Paesi extra Ue.

“Il positivo andamento dell’export dei prodotti dell’agricoltura e dell’intero settore agroalimentare -afferma Politi- è un segnale importante che, tuttavia, non deve assolutamente
rappresentare un punto di arrivo. Da esso, invece, bisogna ripartire per sviluppare una politica mirata per dare ulteriore slancio al ‘made in Italy’ nel mondo”.

“Per accrescere le esportazioni agroalimentari -sostiene il presidente della Cia- è necessario un programma omogeneo e condiviso di iniziative promozionali, evitando l’attuale
dispersione di risorse. Occorre un progetto capace di coinvolgere i Ministeri interessati, le Regioni, gli Enti locali, le Camere di commercio, le rappresentanze di imprese. In tale contesto
è opportuna una non più rinviabile ristrutturazione degli strumenti deputati alla promozione dei nostri prodotti nei mercati esteri”.