Comprare casa, al mare, in Grecia: una occasione da prendere al volo

Comprare casa, al mare, in Grecia: una occasione da prendere al volo

Giunti al mezzo di cammin di nostra vita … è giusto cominciare a pensare come concluderla al meglio. Per esempio, individuando un Paese dove clima, natura, enogastronomia e – perché no? – cultura, garantiscano la miglior qualità ai nostri ultimi decenni.

Comincia a diffondersi anche in Italia – molto prima di noi ci sono arrivate le genti del Nord, tedeschi, britannici, olandesi, scandinavi, pure francesi che sono a metà – l’abitudine di comprare casa all’estero (oltre 50.000 transazioni lo scorso anno). Ma dove?

Non parliamo qui di milionari per i quali le opzioni sono infinite, ma di persone come noi e voi, del bistrattato ma ancora consistente ceto medio, sociale ed economico.  Ai suoi, componenti, se interessati, qualche suggerimento dettato dall’esperienza.

Innanzitutto il Paese va scelto nell’ambito europeo: di disastrosi acquisti in località più o meno esotiche sono pieni i racconti, e i lamenti, delle vittime. Perché c’è una abissale differenza tra il trascorrere in un luogo qualche settimana da turista e diventare cittadino di quel luogo alle prese con leggi, costumi, culture diverse che noi, popolo di migranti, abbiamo dovuto subire per  sopravvivere: ma che non siamo certo tenuti a subire volontariamente, specialmente a una certa età, a meno che non siamo spronati da spirito avventuroso o da  masochismo.

Europa, quindi, ed Europa comunitaria, che ci garantisce una legge sostanzialmente uguale anche per quanto riguarda le modalità dell’acquisto dell’immobile, puntando magari sul sogno mai appagato della casetta al mare e non su pochi metri locali di bilocale dal quale il mare non si vede neanche col binocolo. Ma, economicamente, ce lo possiamo permettere?

Diamo un’ occhiata in giro, alla Francia, per citare, alla Spagna, al Portogallo  escludendo, per intuibili ragioni, i Paesi del Nordafrica e dell’ex Jugoslavia. No, non ce lo possiamo permettere.

Resta la Grecia. Questo piccolo, grande Paese è uscito da una crisi economica e sociale disastrosa ed oggi il suo Pil è superiore a quello dell’Italia.

Per molti italiani la Grecia turistico-balneare, che si affianca alla Grecia delle testimonianze storiche, è rappresentata dalle isole: splendide sì, ma sovraffollate in alta stagione, con collegamenti difficili durante il resto dell’anno. E si trascurano le coste continentali che sono affascinanti come le isole – la geologia è la medesima – ma, appena fuori dalle grandi città, offrono migliaia di chilometri di spiagge di ogni tipo, con promontori, scogli e isolette disabitate, un mare azzurro-verde-viola pescosissimo. Come nel Peloponneso, grande quasi quanto la Lombardia ma con un decimo dei suoi abitanti.

Baia di Methoni

Nella punta più a sud c’è il paesino-gioiello di Methoni, la veneziana Modone: 2.600 abitanti, clima mediterraneo e spiagge selvagge, un piccolo arcipelago di tre isole riserve naturali, ingredienti ideali per una vita all’insegna del sole e del mare, arricchita da un patrimonio storico e artistico di valore e da tradizioni genuine che non sono state ancora toccate dal turismo di massa. Ma a questo fascino si aggiungono  tutti i servizi – dal minimarket alla farmacia – lunghissime spiagge semideserte anche in piena estate, periodo nel quale si aprono decine di negozietti e trattorie dove una cena costa solo alcuni euro (a base di pesce poco di più).

Per gli amanti della storia la stupenda fortezza veneto-turca, a  pochi chilometri insediamenti paleolitici, il palazzo e la tomba dell’eroe dell’Iliade Nestore. E per chi vuole fare due passi nel jet-set a 25 chilometri comincia Costa Navarino tra i più grandi complessi urbanistico-golfistici d’Europa: resort, ville, ristoranti, negozi e bar mete di magnati e regnanti,   con Voidokilia definita dal Times una delle spiagge più belle del mondo.

Ebbene a Methoni abbiamo fatto una scoperta immobiliare: in collina, in un uliveto, a un chilometro dalla spiaggia con una vista mozzafiato, una villa semplice e confortevole di proprietà di un italiano.  Su un terreno di circa 3500 mq piantumato ad ulivi e macchia mediterranea, è stata costruita nel 1991 ma completamente ristrutturata nel 2013, ed è disposta su due livelli, altrettante unità immobiliari indipendenti, ottima per famiglia con figli grandicelli: piano principale, ca 130 mq compresa ampia veranda, grande salone con camino, cucina a vista, 3 camere da letto, 2 bagni. Casa ecologica realizzata su progetto e con sistema canadese (timberframe, pareti con ossatura in legno) ecologica e antisismica. Piano inferiore: ingresso indipendente, loft di ca 45 mq con cucina, soggiorno, spazio letto e bagno. In cemento. Porticato-veranda.  Box/locale per attrezzi.

Tutti i locali sono arredati. L’intero arredamento, mobili, elettrodomestici, biancheria, stoviglie, attrezzatura per la lavorazione del terreno e un motore fuoribordo di 20 cv, viene ceduto con la casa. Zero tasse immobiliari, almeno sino ad oggi. Una coppia di fiducia del luogo si incarica delle pulizie del terreno e della casa, della raccolta delle olive (a meno che non la voglia fare il proprietario) e della manutenzione.

Prezzo, 165.000 euro. Non è forse l’occasione della vita?

Vito Luise

 

Contatti riservati diretti col proprietario
– No agenzie – Redazione Newsfood.com (Clicca qui)

Related Posts
Leave a reply