Conservazione del cibo, i consigli anti caldo di Assolatte

Conservazione del cibo, i consigli anti caldo di Assolatte

Il caldo colpisce non solo le persone ma anche gli alimenti: in prima fila, quelli pronti e freschi, come gelato, formaggi, yogurt e latte. Perciò, obiettivo del consumatore è
spendere con accortezza e portare a casa un cibo sano e conservato correttamente.

Ecco allora il dossier del Ministero della Salute, pensato
per la sicurezza degli alimenti, dall’acquisto alla casa.

E poi, il vademecum di Assolatte, focalizzato su latte e derivati.

  • Primo passo, scegliere confezioni sane: integre, pulite, asciutte. No quindi alle confezioni umide, brinate o ghiacciate. Controllare con attenzione la data di scadenza ed i prodotti
    artigianali, specie di quelli con latte crudo.

  • Dopo l’acquisto, riporre gli alimenti nella borsa termica, avendo cura di non lasciarli troppo in macchina.

  • Una volta aperti, i latticini ed i formaggi freschi vanno posti in recipienti chiusi, di plastica o di vetro. Invece, i formaggi a pasta dura e semidura (come Grana Padano, Taleggio o
    provolone) vanno avvolti in pellicole per alimenti. Nel frigorifero riporre ogni alimento al suo posto: gli yogurt, i latticini, la panna e i dolci a base di creme e panna vanno tenuti sui
    ripiani più alti, dove ci sono 4-5°C di temperatura. Così facendo, si conservano odori, sapori

  • Ogni latticino va poi messo nella posizione corretta. Latte e burro, nella porta del frigo. I formaggi nel piano centrale del frigorifero.
    In ogni caso, dare massima attenzione ai tempi di conservazione: in generale, quando la confezione viene aperta un latticino fresco si deteriora rapidamente. Ad esempio, il latte UHT si
    conserva a temperatura ambiente per 3-6 mesi. Ma quando la confezione viene aperta va tenuto in frigorifero e consumato nel giro di 3-4 giorni.

Matteo Clerici

Leggi Anche
Scrivi un commento