Cookingfor Art: a Roma il gusto delle Alpi

Cookingfor Art: a Roma il gusto delle Alpi

Le valli alpine: territorio difficile, ma di grande fascino.

Al suo interno, un misto di popoli e culture: i valdesi, costretti a nascondersi fino agli Editti di Tolleranza dei Savoia. Gli occitani ed i ladini, minoranze linguistiche sopravvissute dal
passato.

O anche echi di popoli ormai scomparsi, come i Walser od i cimbri sconfitti dalle legioni di Mario.

Ed anche culture gastronomiche: ricette in cui il gusto deve fare i conti con un ambiente povero, da cui la necessità di non buttare nulla e sfruttare al massimo le risorse.

Tutto questo rivive a Cookingfor Art, che offre METEDIMONTAGNA: da sabato 20 a lunedì 22, le Officine Farneto di Roma sono luogo di stile, gusto e anima della montagna italiana.

Di base, i numeri sono notevoli: 12 Territori, 6 cucine delle Minoranze, 24 chef di Montagna, 12 chef della Capitale, e ancora Classroom per approfondimenti e incontri.

Detto questo, i veri protagonisti sono le popolazioni di monti e valli: Occitani (Valli della provincia di Cuneo, soprattutto Val Gran, Val Varaita, Val Po) ai Valdesi (val Pellice); dai Walser
(Val Formazza) ai Cimbri (altopiano dell’Asiago); dai Ladini (val Gardena) agli Slavi (Valli del Natisone). Un viaggio che speriamo sia interessante e goloso.

A loro è dedicato “Sei Chef per sei Cucine (quasi) perdute”.

Inizia, Christian Milone, ristorante Zappatori di Pinerolo, che mette nel piatto la cucina Valdese ed Occitana. A seguire, Matteo Sormani, che concretizza i sapori della Locanda Walser, della
Val Formazza. E poi, Alessandro Dal Degan, promessa d’Asiago con il ristorante La Tana, con il suo brodo d’abete, reminiscenza dei Cimbri. Ancora, Raimond Brunner rende onore alle sue radici
ladine, con il salmerino con i fiori di sambuco e la mela antica. Infine, Antonia Klugmann, maestra della cucina slovena.

Sempre nel programma, le degustazioni di Trentodoc in un desk dedicato, con vino ed informazioni sui 39 produttori.

L’evento si chiude con la finale nazionale del Premio Miglior Chef Emergente d’Italia, organizzato in collaborazione con Trentodoc, sponsor ufficiale dell’iniziativa. Il vincitore
rappresenterà l’Italia al Summit della Cucina Italiana nel Mondo a Hong Kong, il prossimo novembre.

Officine Farneto, via Monti della Farnesina 77, Roma

Orario: 12-21 sabato e domenica, 10-18 lunedì

Matteo Clerici

Leggi Anche
Scrivi un commento