Corea del Nord: Riso, pane e tagliolini per il popolo

Corea del Nord: Riso, pane e tagliolini per il popolo

Seul – In una rara sortita pubblica, il leader nordcoreano Kim Jong-il ha rilanciato la promessa di migliorare la situazione alimentare del suo popolo, superando il sostentamento basato
sul mais in favore di prodotti come “riso, pane e tagliolini”.   

“Sono profondamente amareggiato dal fatto che la nostra gente viva ancora di mais – ha dichiarato il leader comunista in un intervento pubblicato dal quotidiano di Stato ‘Rodong Sinmun’ -. Il mio
compito adesso è dare al popolo riso bianco, pane e tagliolini in quantità generosa”.   

I commenti di Kim, di cui non sono stati divulgati ulteriori dettagli, confermano il fallimento della politica alimentare del regime, che ad oggi non è ancora riuscito a raggiungere
standard di vita sufficienti per i suoi 24 milioni di abitanti.   

Il mese scorso, oltretutto, il ‘caro leader’ si era lasciato andare ad analoghe esternazioni, dichiarando che “zuppe di carne e riso bianco” restano ancora un sogno per la maggior parte della
popolazione nordcoreana.   

L’emergenza alimentare ancora in atto in Corea del Nord ha avuto origine dalla grande carestia del 1995-1998, che ha causato circa tre milioni di morti in seguito a eccezionali inondazioni e al
collasso dell’Unione Sovietica, fino a quel momento tra i principali sostenitori economici del regime nordcoreano.   

In passato la Corea del Sud è stata tra i primi fornitori di aiuti economici ed alimentari al Nord, prima della brusca frenata decisa nel 2008 dall’amministrazione conservatrice di Lee
Myung-bak: il presidente sudcoreano ha ribadito oggi che non possono esistere ‘prezzi’ (come gli incentivi degli anni scorsi) da pagare al regime di Pyongyang per organizzare un vertice
bilaterale e tornare al dialogo.

Ansa.it per NEWSFOOD.com

Related Posts
Leave a reply