CORTI E GIUDICI SUPPLISCONO ALLE CARENZE DELLA POLITICA

CORTI E GIUDICI SUPPLISCONO ALLE CARENZE DELLA POLITICA

Date: Mon, 6 May 2019
Subject: “L’ Europa dei diritti” Convegno di studio Italo-Spagnolo all’Universita’ degli Studi di Milano – Europasia informa

Cronaca della prima giornata

CORTI E GIUDICI SUPPLISCONO ALLE CARENZE DELLA POLITICA
Due giornate di studio nelle sedi dell’Università Statale di Milano su “L’ Europa dei Diritti”.

“E’ un fatto positivo che il mondo accademico si sia mobilitato per far meglio conoscere a una opinione pubblica non sufficientemente informata quale ruolo l’Unione Europea svolga a favore dei diritti della persona umana.

Lorenza Violini, Tommaso E. Frosini, Ana Carmona Contreras, Eduardo Alonso Luengo, Achille Colombo Clerici, Maria Elisa D’Amico, Sara Valaguzza, Annamaria La Chimia, Germán Teruel

Prevale infatti la convinzione che troppo le istituzioni comunitarie si siano impegnate nel campo dell’economia. In realtà la sia pur fondamentale funzione dei mercati e dell’economia  degenererebbe in diseguaglianze, prevaricazioni, esclusioni, senza una adeguata attenzione al rispetto di quei diritti”.

E’ la convinzione di Achille Colombo Clerici, Presidente di Assoedilizia, espressa in un intervento di saluto all’apertura dei lavori su “L’Europa dei diritti”: due Giornate di studio in corso a Milano con la partecipazione di docenti di atenei italiani (Università degli Studi di Milano, cui si deve l’apporto principale  all’evento,  Università di Bologna, Università di Studi della Campania) e della spagnola Universidad de Murcia con UE (Programma Erasmus) e Seminario Italo-Spagnolo. Due i luoghi dei lavori dell’Università Statale, entrambi a Milano: lunedì 6 maggio, la Sala Napoleonica, via Sant’Antonio n. 12; martedì 7 maggio,  la Sala crociera di Scienze umanistiche, via Festa del Perdono n. 7.

Il Console generale di Spagna a Milano Eduardo Alonso Luengo e Germán Teruel, Direttore del Seminario italospagnolo, Universidad de Murcia hanno ricordato la secolare amicizia tra i due Paesi – testimoniata, del resto, a Milano da numerose opere urbanistiche – nonché i rapporti culturali e accademici che hanno influito sulla città nei secoli scorsi.  Lorenza Violini, Presidente del CUG -Comitato Unico di Garanzia, Direttrice del dipartimento di diritto pubblico italiano e sovranazionale, Università degli Studi di Milano ha concluso i saluti istituzionali.

Marilisa D’Amico, Prorettrice alla Legalità, trasparenza e parità di diritti, Università degli Studi di Milano, in rappresentanza del Magnifico Rettore Ettore Franzini , ha introdotto i lavori. Un intervento che è stato, assieme, rimpianto, denuncia, sprone.

La mancata realizzazione di una ‘Costituzione Europea’, ha esordito D’Amico, ha testimoniato la distanza fra la politica, la dimensione europea e i cittadini.

Per anni comunque, e ancor oggi, gli studiosi del diritto costituzionale, italiano e comparato, sono stati attratti dall’analisi del dialogo fra le Corti, che, a dispetto della scarsa attenzione per la creazione di strumenti di raccordo ad hoc, alla luce delle esigenze e delle spinte dei casi concreti, ha portato alla costituzione di uno “spazio giudiziario europeo”. Uno spazio nel quale , cioè, dimensione nazionale e sovranazionale si coordinano perfettamente e i giudici sembrano realizzare un’unità che manca a livello politico, assicurando sia sul piano processuale che su quello sostanziale, una tutela soddisfacente.

Qualche esempio:  fecondazione assistita, carceri, matrimonio omosessuale. In questi casi le Corti nazionali e sovranazionali, insieme, hanno supplito a situazioni di carenza della politica. Le persone hanno potuto anche attivare simultaneamente strumenti nazionali e sovranazionali: fecondazione assistita o libertà di ricerca scientifica sugli embrioni. Si sono anche scoperti strumenti nuovi: il ruolo svolto in Italia, in tema di obiezione di coscienza, dal comitato europeo dei diritti sociali.

Dall’altro, e questa è la drammatica novità di questi ultimissimi anni, abbiamo una distanza abissale dell’Europa politica dalle persone, e soprattutto dagli ultimi, dai più fragili., testimoniata dalla mancata gestione del fenomeno migratorio.
L’ Europa, tutta l’Europa, acconsente che ci sia una totale indifferenza nei confronti di vicende umane. I diritti annegano nel Mediterraneo, come se l’Europa rinunciasse alla propria identità di valore sulla quale era nata.

Quali sono – ha concluso D’Amico –  i Diritti che l’Europa garantisce? E a chi si rivolge? “Io credo che oggi anche a noi studiosi spetti il compito di mantenere un profilo critico e attento alla realtà, rifuggendo dal facile e ovvio tentativo di rinchiuderci nelle nostre certezze formalistiche che pure sono il nostro pane quotidiano. Ma se il costituzionalismo moderno, e soprattutto le costituzioni rigide, nascono per rispondere in modo razionale a una limitazione del potere che significa insieme garanzia dei diritti, a noi, oggi, viene chiesto proprio di combattere con le forme della ragione e del dialogo, possibili ritorni al tempo in cui Hobbes poteva parlare di ‘Homo Homini lupus’”.

Questo il programma delle Giornate di Studi.

10.00-11.30: Convergenze e divergenze tra livello nazionale e livello europeo nella costruzione di uno spazio comune dei diritti fondamentali

Presiede: Ginevra Cerrina Feroni, Università degli Studi di Firenze

Sandro Staiano, Università degli Studi di Napoli Federico II

Ana Carmona Contreras, Universidad de Sevilla

Silvia Sassi, Università degli Studi di Milano

Annamaria La Chimia, University of Nottingham

11.30-13.00: Un dialogo non sempre facile nello spazio multilivello di diritti in Europa: rapporti CEDU-CEDF-Fonti internazionali

Presiede: Tommaso E. Frosini, Università degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli

Andrea Morrone, Alma Mater Studiorum, Università di Bologna

Francesca Biondi, Università degli Studi di Milano

Rafael Bustos Gisbert, Escuela Judicial y Universidad de Salamanca

Dibattito

Pausa
15.00-17.00: Dignità, uguaglianza, solidarietà, migrazioni

Presiede: Bruno Nascimbene, Università degli Studi di Milano

Felice Giuffré, Università degli Studi di Catania

Stefano Catalano, Università degli Studi di Verona

Silvia Romboli, Universidad ESADE de Barcelona

Luca Vanoni, Università degli Studi di Milano

17.00-18.00: Interventi programmati

Martedì 7 maggio

9.00-10.30: I nuovi diritti: dell’evoluzione tecnologica, dell’evoluzione scientifica

Presiede:
Antonio D’Aloia, Università degli Studi di Parma

Filippo Donati, Università degli Studi di Firenze

Maria Pia Iadicicco, Direttore Seminario italospagnolo, Università della Campania

Germán Teruel, Direttore Seminario italospagnolo, Universidad de Murcia

11.00-12.30: I diritti: civili, economici, politici

Presiede: Ida Nicotra, Università degli Studi di Catania

Alessandro Morelli, Università degli Studi “Magna Græcia” di Catanzaro

Edoardo Raffiotta, Direttore Seminario italospagnolo, Alma Mater Studiorum Università di Bologna

Antonio Pérez Miras, Direttore Seminario italospagnolo, Universidad de Granada

12:30-13:30 Interventi programmati

13:30 Conclusioni: Beniamino Caravita, Università degli Studi di Roma “La Sapienza”

 

 

Foto:
– Germán Teruel, Maria Elisa D’Amico, Lorenza Violini, il Console generale di Spagna Eduardo Alonso Luengo, e Achille Colombo Clerici
– Lorenza Violini,  Tommaso E. Frosini, Ana Carmona Contreras, Eduardo Alonso Luengo, Achille Colombo Clerici, Maria Elisa D’Amico, Sara Valaguzza, Annamaria La Chimia, Germán Teruel

Leggi Anche
Scrivi un commento