La presentazione della dichiarazione dei redditi 2008 è alle porte.
E’ bene, quindi, cominciare ad informarsi sulle novità di quest’anno e sulle spese che danno diritto alla detrazione d’imposta e NEWSFOOD.com ha predisposto una sintesi delle spese che
si possono detrarre che rappresenta un’utile risorsa per tutti coloro che sono alle prese con scontrini, fatture e calcolatrici .
La prima parte del vademecum riguarda le spese per cui si può beneficiare della detrazione del 19%.

Detrazione del 19%
La detrazione del 19% dall’imposta lorda spetta a coloro che nel 2007 hanno sostenuto le seguenti tipologie di spese:

Spese

Franchigia

Importo massimo detraibile

Condizioni

Esempi di spese detraibili

Casi particolari

Sanitarie

129,11 euro

 

 

Visite specialistiche, acquisto di medicinali, ticket pagati al SSN, protesi sanitarie, analisi e ricerche, affitto o acquisto di attrezzature sanitarie, prescrizioni del medico generico,
trapianti di organi, …

 

Per l’acquisto di mezzi e sussidi tecnici ed informatici per portatori di handicap

 

 

 

 

 

Per l’acquisto di veicoli per i portatori di handicap e per il trasporto di sordomuti e non vedenti

 

18.075,99 euro

Spetta per un solo veicolo. La detrazione può essere ripartita in 4 quote annuali di pari importo

 

 

Per l’acquisto di un cane guida

 

 

Spetta solo una volta nell’arco di 4 anni (salvo in caso di perdita del cane) e può essere ripartita in 4 quote annuali di pari importo

 

 

Interessi passivi ed oneri accessori

 

4.000 euro comprensivi di oneri accessori

– L’immobile deve essere stato adibito ad abitazione principale entro 1 anno dal rogito ed il mutuo deve essere stato stipulato nello stesso anno dell’acquisto;
– Ristrutturazione edilizia: la detrazione spetta dalla data in cui l’immobile è adibito ad abitazione principale (ed entro 2 anni dall’acquisto);
– Acquisto di immobile locato: entro 3 mesi l’acquirente deve notificare al locatario l’intimazione di sfratto e l’immobile entro 1 anno deve essere adibito ad abitazione principale

Interessi passivi sui mutui, spese di istruttoria, perizia, spese notarili, maggiori somme pagate per le variazioni di cambio relativa alla stipula di mutui ECU,…

Non sono oggetto di detrazione:
– gli interessi di mutui accesi nel 1991/1992 (ad eccezione di quelli per l’acquisto dell’abitazione principale) e nel 1993 per l’acquisto della seconda casa
 

Premi di assicurazione sulla vita e contro gli infortuni (anche versati all’estero)

 

 

La detrazione del premio per l’assicurazione sulla vita spetta se il contratto ha durata di almeno 5 anni e se non consente la concessione di prestiti nel periodo di durata minima.
La detrazione del premio per l’assicurazione relativa al rischio di non autosufficienza spetta solo se l’impresa non può recedere dal contratto.

Premi per assicurazioni (stipulati anche all’estero o con compagnie estere) riguardanti il rischio di morte, di invalidità permanente superiore al 5%, di non autosufficienza.

 

Spese di istruzione

 

 

Se i corsi sono svolti presso istituti stranieri, la detrazione ha importo massimo pari a quello per le tasse delle scuole statali italiane

Spese per la frequenza di corsi di istruzione secondaria, universitaria, di perfezionamento o specializzazione universitaria

 

Spese veterinarie

129,11 euro

387,34 euro

 

Spese per la cura di animali tenuti per compagnia o per pratica sportiva

 

Spese funebri

 

1.549,37 euro per singolo decesso

Può beneficiare della detrazione solo l’intestatario della fattura

Spese funebri per i familiari entro i 3° grado di parentela

 

Spese per addetti all’assistenza personale

 

2.100 euro

Il reddito complessivo non può superare i 40 mila euro e la spesa deve essere documentata con uan ricevuta firmata dall’assistente, indicando i dati di chi presta assistenza e di chi
provvede al pagamento.
La detrazione spetta anche per familiari fiscalmente a carico, purchè nella ricevuta siano indicati anche i dati dei familiari.

Spese per assistenza i non autosufficienti

 

Spese per la pratica sportiva dei ragazzi

 

210 euro per ciascun ragazzo

La detrazione spetta anche per le spese sostenute per i familiari a carico ed il contribuente deve esibire la documentazione attestante il pagamento.

Spese sostenute per l’iscrizione annuale e l’abbonamento dei ragazzi  di 5-18 anni ad associazioni sportive, palestre, piscine, …

 

Spese per l’intermediazione immobiliare

 

1.000 euro

Devono essere riferite all’acquisto della prima casa e, se la casa è acquistata da più persone, la detrazione è ripartita tra esse.

 

 

Spese per locazioni da parte di studenti universitari fuori sede

 

2.663,00 euro

Gli studenti devono essere iscritti a corsi di laurea presso università situate in Comune diverso da quello di residenza e distante almeno 100 km da esso (o comunque in una provincia
diversa).

 

 

Erogazioni liberali a movimenti politici

 

 

L’importo dell’erogazione deve essere compreso tra 51,65 e 103.291,38 euro e l’erogazione deve essere effettuata mediante versamento postale o bancario.
la detrazione non spetta se la dichiarazione del 2007 ha evidenziato un reddito negativo.

 

 

Erogazioni liberali a ONLUS

 

2.065,83 euro

Il contribuente deve scegliere tra la detrazione d’imposta o la deduzione dal reddito dell’agevolazione.

 

 

Erogazioni liberali in denaro a società sportive dilettantistiche

 

1.500 euro

 

 

 

Contributi associativi alle società di mutuo soccorso

 

1.291,14

I contributi devono essere versati per se stesso e non per i familiari e devono essere certificati da apposite ricevute.

 

 

Erogazioni liberali a associazioni di promozione sociale

 

2.065,83 euro

 

 

 

Erogazioni liberali a «La Biennale di Venezia«

 

Il 30% del reddito complessivo

 

 

 

Spese per manutenzione, protezione o restauro dei beni soggetti a regime vincolistico

 

 

La detrazione è ridotta del 50% se è cumulata con quella del 41% o del 36% per le spese di ristrutturazione

 

 

Erogazioni liberali per attività culturali ed artistiche

 

 

 

Il costo specifico o il valore normale dei beni ceduti gratuitamente e le erogazioni in denaro a favore dello Stato, delle regioni, degli enti territoriali e di enti o istituzioni
pubbliche, di fondazioni e associazioni legalmente riconosciute senza scopo di lucro che organizzano e realizzano attività culturali ed artistiche.

 

Erogazioni liberali in denaro per attività dello spettacolo

 

Il 2% del reddito complessivo

Le erogazioni devono essere finalizzate alla realizzazione di nuove strutture, al restauro ed al potenziamento  delle strutture esistenti ed alla produzione nei settori dello
spettacolo.

Erogazioni liberali in denaro a favore di enti o istituzioni pubbliche, fondazioni e associazioni legalmente riconosciute senza scopo di lucro che svolgono esclusivamente attività
nello spettacolo.

 

Erogazioni liberali in denaro per attività del settore musicale

 

Il 2% del reddito complessivo, ma in alcuni casi può arrivare al 30% del reddito complessivo.

 

Erogazioni liberali in denaro a favore di enti di prioritario interesse nazionale operanti nel settore musicale e per i quali è prevista la trasformazione in fondazioni di diritto
privato.

 

Spese per servizi di interpretariato dai soggetti sordomuti

 

 

La sordità deve essere riconosciuta come congenita o acquisita prima dell’apprendimento della lingua parlata. Non può essere di natura psichica o derivante da cause di guerra,
lavoro o servizio.

 

 

Erogazioni liberali per istituti scolastici

 

 

Devono essere documentate ed avere come destinatari istituti statali e paritari senza scopo di lucro e le erogazioni devono essere finalizzate all’innovazione tecnologica, all’edilizia
scolastica o all’ampliamento dell’offerta formativa.

 

 

Spese per il pagamento della retta degli asili nido

 

632 euro annui per figlio