Crioblazione per curare il cancro al seno

Crioblazione per curare il cancro al seno

Usare il freddo per combattere il cancro al seno.

Questa l’ipotesi di una ricerca del Cancer Institute di Detroit (Michigan), diretta dal dottor Peter Littrup e presentata al meeting annuale dell’Interventional Radiology.

Littrup e colleghi hanno preso in esame la crioablazione, tecnica basata sull’eliminazione delle cellule infette tramite freddo intenso, procedura poco invasiva e che non necessita del bisturi.

Gli scienziati hanno usato la crioablazione su cavie animali, colpite da tumore. Essi hanno allora inserito nel corpo degli animali piccoli aghi, che hanno portato le cellule infette alla
temperatura di -30 gradi Celsius. Positive le analisi post operatorie: le cellule cancerogene sono state tutte eliminate e nei 5 anni successivi le cavie non sono state colpite da recidiva.

Conclude allora il dottor Littrup: “Sono necessarie ulteriori sperimentazioni ma si tratta di una terapia molto poco invasiva che apre le porte a nuovi trattamenti contro il cancro al seno”.

Fonte:Freezing out breast cancer, EurekaAlert, 16/03/010

Matteo Clerici

ATTENZIONE:
l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non necessariamente avallano il
pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi
titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento