Il grande sviluppo che ha subito in questi anni l’industria alimentare e l’aumento nelle quantità di alimenti importati hanno reso sempre più crescente la necessità che i
produttori di alimenti e gli operatori del settore alimentare si dotino di misure di sicurezza per i loro prodotti, invece di appoggiarsi sull’intervento della FDA e delle autorità di
controllo e di sicurezza del settore, sostiene la FDA. Tuttavia, alla luce delle recenti emergenze di sicurezza alimentare che sono scoppiate negli USA (ad esempio la contaminazione con
Salmonella nell’impianto di produzione del burro di noccioline in Georgia nel 2005, o il recente caso di Escherichia coli negli spinaci in California) la House Energy and Commerce sta valutando
di introdurre delle leggi per aumentare la responsabilità della FDA, la sua autorità regolatoria e il budget finanziario.

Sono questi i principali consigli delle autorità per prevenire gli episodi di crisi di sicurezza alimentare che hanno recentemente investito l’industria alimentare americana, culminando
proprio recentemente con il caso della melammina nei mangimi. A proposito dei due casi sopra accennati, i critici e i sostenitori dei consumatori hanno evidenziato che entrambi gli episodi
indicano che l’Agenzia (FDA) non sarebbe in grado di offrire una adeguata protezione e sicurezza alimentare ai consumatori. D’altra parte, I funzionari della FDA hanno ammesso che il sistema
dell’agenzia deve essere revisionato per rispondere alle nuove esigenze, ma hanno dichiarato anche che l’agenzia non avrebbe potuto fare di più per impedire entrambi gli episodio di
contaminazione.

** Dopo i recenti episodi di crisi nel settore della sicurezza alimentare, piovono le critiche sull’operato della FDA. Probabilmente è vero che l’Agenzia non si è ancora riuscita
ad adeguare al recente sviluppo dell’industria alimentare americana, ma è anche vero che la sicurezza alimentare va ricercata e garantita prima di tutto dalle stesse industrie, con
l’applicazione dei principi dell’HACCP e con le certificazioni, ove necessario.

www.sicurezzadeglialimenti.it