“Dacci un taglio. E' semplicemente un tuo diritto”

News Cia Calabria.

Presentata dalla Cia Calabria la Petizione popolare

post 1184630400 border 1505952000

La Confederazione italiana agricoltori, è da sempre attenta ai problemi, purtroppo sempre più attuali, relativi ai rapporti che intercorrono tra le imprese, i cittadini e la
pubblica amministrazione. In tal senso, presso la sede regionale della Cia Calabria, è stata presentata la Petizione popolare nazionale rivolta al presidente del Consiglio dei ministri
Romano Prodi.

Il fine ultimo dell’iniziativa è limitare le grandi difficoltà burocratiche che impongono alle aziende costi notevoli, sia in termini economici che di tempi lavorativi.

Senza dubbio semplificare le procedure burocratiche consentirà di realizzare anche dei grossi risparmi prettamente economici, in seno ai quali potrà esserci una ripresa
nell’ambito dei diversi settori produttivi.

Dunque, è importante partecipare attivamente al progetto in questione, dacchè più semplificazione amministrativa e legislativa comporterà innanzitutto un recupero di
risorse, destinabili quindi allo sviluppo e alla competitività. L’iniziativa è stata presentata da Giuseppe Mangone, presidente della Cia regionale, ed erano presenti Rosa
Critelli e Franco Belmonte, membri della presidenza regionale. La raccolta firme sarà effettuata in tutto il territorio nazionale, proprio perché le aziende e i cittadini non
devono più avere difficoltà legate alle superflue procedure burocratiche, spesso inutili, che innanzitutto impediscono di sviluppare in maniera adeguata l’attività
imprenditoriale.

Saranno allora organizzate diverse manifestazioni che si svolgeranno per tutta l’estate fino al 30 settembre prossimo e, nell’ambito di queste iniziative, è prevista la “settimana della
semplificazione” che avrà luogo precisamente dal 10 al 16 settembre prossimi.

Il 15 settembre sarà quindi la “giornata per la semplificazione”, in seno alla quale si svolgeranno diverse manifestazioni in tutti i capoluoghi di provincia dove si raccoglieranno le
firme per la petizione popolare.

Solo alla fine di settembre, quindi, terminerà la campagna sulla semplificazione burocratica, e di conseguenza entro la prima decade di ottobre avverrà la consegna della petizione
con le firme raccolte. La Cia della Calabria raccoglierà ventimila firme. Un progetto contro le procedure amministrative sempre più complesse e lunghe, e per modificare un
apparato burocratico decisamente oneroso per le imprese e per i cittadini. Occorre, infatti, stabilire alcuni provvedimenti che permettano un adeguato snellimento delle procedure burocratiche,
tra cui applicare il divieto di richiesta di documenti già in possesso della Pubblica amminsitrazione, attivare lo sportello unico per le imprese su tutto il territorio nazionale, ovvero
dare esecutività immediata alla dichiarazione di inizio attività, uniformare i tempi tecnici per le istruttorie e diffondere le procedure informatiche nei rapporti con la pubblica
amministrazione.

Il progetto poi, ha proseguito Mangone, risponde alle esigenze comunitarie secondo cui è necessario che nei rapporti con la pubblica amministrazione sia garantita la certezza dei tempi e
quindi il riconoscimento di precisi diritti, ottemperando e valorizzando altresì il principio di sussidiarietà verticale e orizzontale.

Purtroppo ad oggi le aziende e i cittadini devono confrontarsi con un’amministrazione che prevede costi inaccettabili e tempi lunghissimi e solo riuscendo ad ottenere una riduzione degli oneri
burocratici e un vero e proprio snellimento delle procedure sarà possibile finalmente rendere le aziende sempre più competitive e consentire quindi uno sviluppo effettivo delle
diverse attività imprenditoriali.

In Calabria, la pesantezza della burocrazia assume caratteri ancora più gravi, prima di tutto per la condizione in cui versa la regione.

L’allocazione degli assessorati e degli uffici in posti diversi, sparpagliati in tutta la città, crea disservizi, inefficienze, ritardi.

Rispetto a ciò, assume una importanza strategica la costruzione della cittadella della regione che accorperebbe, appunto, tutti gli assessorati e gli uffici in una unica sede.

Nelle more, apprezziamo, ha infine dichiarato Mangone, l’iniziativa annunciata dall’assessore Pirillo di accorpare subito gli uffici dell’assessorato all’Agricoltura, foreste e forestazione
nella sede di Via Lucrezia della Valle, a Catanzaro.

Questo potrebbe velocizzare l’iter dei pagamenti che, allo stato, è lunghissimo e, spesso, pregiudica l’esito finale positivo delle erogazioni spettanti agli agricoltori.

Un altro problema riguarda la comunicazione e il dialogo tra i diversi organi istituzionali e di governo.

Infine, sta diventando pesantissima la situazione relativa alla concessione delle deleghe dalla Regione alle Province che, di fatto, ha determinato un blocco delle attività di collaudo e
liquidazione dei progetti presentati dagli agricoltori.

www.cia.it

Categorie

Nessun commento

Nessun commento!

Non ci sono ancora commenti, ma puoi essere il primo a commentare questo articolo.

Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

“Dacci un taglio: è semplicemente un tuo diritto”

News Cia.

Via alla Petizione e alla raccolta di firme per ridurre la burocrazia

post 1182556800 border 1505952000

L’iniziativa promossa dalla Cia. In programma una mobilitazione su tutto il territorio nazionale. A settembre la “settimana della semplificazione”.

“Dacci un taglio. E’ semplicemente un tuo diritto”. Sotto questo slogan la Cia-Confederazione italiana agricoltori ha promosso una Petizione popolare rivolta al Presidente del Consiglio per
ridurre la burocrazia e semplificare sempre di più gli adempimenti cui oggi sono sottoposte le aziende agricole italiane. Una petizione che, comunque, riguarda anche i cittadini i cui
rapporti con l’amministrazione pubblica sono sempre più complessi e richiedono tempi lunghi e insopportabili.

L’iniziativa della Cia si articolerà in una serie di manifestazioni che si svolgeranno per tutta l’estate fino al 30 settembre prossimo, in concomitanza dell’inizio dell’iter
parlamentare della legge finanziaria per il 2008.

Nell’ambito delle iniziative in programma, che si terranno su tutto il territorio nazionale, è prevista “una settimana della semplificazione” che avrà luogo dal 10 al 16 settembre
prossimi. Un appuntamento che vedrà impegnate la Confederazione a tutti i livelli, da quello nazionale a quelli territoriali. Il 15 settembre sarà, proprio in questo contesto, “la
giornata per la semplificazione”, con manifestazioni in tutti i capoluoghi di Provincia dove si raccoglieranno le firme per la Petizione popolare, coinvolgendo i cittadini e non solo gli
imprenditori agricoli.

La campagna sulla semplificazione burocratica terminerà, quindi, alla fine di settembre, mentre entro le prime due settimane di ottobre avverrà la consegna della Petizione con le
firme raccolte e la presentazione di un apposito dossier sul problema della semplificazione con proposte operative.

“Dacci un taglio. E’ semplicemente un tuo diritto”

Al Presidente del Consiglio dei Ministri

Petizione popolare per ridurre la burocrazia, semplificare le procedure e spendere di meno

I sottoscrittori cittadini,

Premesso

– Che l’apparato burocratico è sempre più oneroso per le imprese e per i cittadini.

– Che per le imprese i costi e i tempi della burocrazia riducono l’attività produttiva e la competitività sui mercati.

– Che le procedure amministrative, sempre più complesse e lunghe, impediscono alle imprese di migliorare la propria efficienza e produttività.

– Che i cittadini vivono un rapporto “difficile” con l’amministrazione pubblica.

Considerato

– Che occorre assicurare nei rapporti con la pubblica amministrazione la certezza dei tempi e il riconoscimento dei diritti.

– Che è indispensabile semplificare i rapporti tra cittadini, imprese e pubblica amministrazione.

– Che è fondamentale ridurre il costo della burocrazia.

– Che è necessario valorizzare la sussidiarietà verticale e orizzontale.

– Che bisogna rendere trasparente, semplice e costruttivo il rapporto tra cittadini e pubblica amministrazione.

Tutto ciò premesso e considerato, con la presente petizione promossa dalla Confederazione italiana agricoltori

Chiedono

Al Governo di esaminare con attenzione e disponibilità, l’opportunità, nell’ambito delle politiche di semplificazione amministrativa, di stabilire alcuni provvedimenti che
permettano un adeguato snellimento delle procedure burocratiche. Un’esigenza fondamentale per una società che deve crescere, come del resto avviene in Europa.

In particolare, in tale contesto propongono di:

● Applicare il divieto di richiesta di documenti già in possesso della pubblica amministrazione, prolungando la validità di quelli
già presentati.

● Attivare lo “sportello unico” per le imprese su tutto il territorio nazionale.

● Dare esecutività immediata alla Dichiarazione unica d’inizio attività.

● Uniformare i tempi tecnici per le istruttorie.

● Unificare le modalità e i tempi di controllo.

● Utilizzare un unico strumento di verifica del reddito per i servizi assistenziali.

Diffondere le procedure informatiche nei rapporti con la pubblica amministrazione.

www.cia.it

Categorie

Nessun commento

Nessun commento!

Non ci sono ancora commenti, ma puoi essere il primo a commentare questo articolo.

Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *