Dalai Lama, sì ai giochi ma i tibetani hanno diritto di protestare

Il Dalai Lama conferma ancora una volta il suo sostegno ai giochi Olimpici di Pechino ma sottlinea che i tibetani hanno diritto ad una protesta non violenta. Nel corso di una conferenza stampa
in Giappone la massima autorità religiosa ha dichiarato che l’autonomia in Tibet e’ rimasta solo sulla carta e non e’ stata realmente favorita, «ma da parte nostra, ha detto il
Dalai Lama, non c’e’ alcuno spirito anti-Cina». Il leader dei tibetani in esilio ha aggiunto di aver sostenuto l’ipotesi di assegnare i giochi olimpici a Pechino fin dal primo istante e
che nessuno intende boicottare il passaggio della fiaccola in Tibet. Intanto il ministro della sicurezza cinese ha dichiarato che è stata sgominata una banda che aveva organizzato il
rapimento di alcuni atleti durante i giochi.

Related Posts
Leave a reply