Roma – La Regione Lazio finanzia con 867 mila euro il progetto di «Sapienza Innovazione» per realizzare un laboratorio di ricerca galleggiante, che servirà
allo sviluppo di tecnologie innovative per la nautica, si tratta di «Sealab», una stazione sperimentale navigante, tutta dedicata alla ricerca per effettuare test in mare di
innovazioni progettuali e nuovi brevetti per la nautica, mettere a punto nuove tecnologie per i veicoli marini e incentivare lo sviluppo di programmi congiunti tra università e imprese
in questo settore.

Su Sealab, infatti, lavoreranno team misti tra università, centri di ricerca e cantieri navali.

La notizia del progetto arriva dalla Fiera di Roma, dove l’assessore allo Sviluppo Economico, Ricerca, Innovazione e Turismo della Regione Lazio, Claudio Mancini, partecipando al Forum
«Sealab: un nuovo progetto scientifico per la nautica italiana», ha annunciato anche l’intenzione di stringere un accordo con l’Insean, l’Istituto nazionale per gli studi e le
esperienze di architettura navale, più noto come Vasca Navale.

«Sul tracciato delle indicazioni che arrivano dalla Commissione Europea sulle politiche per il mare – spiega l’assessore Mancini – vorremmo siglare un protocollo d’intesa con la Vasca
Navale, per mettere a disposizione dei cantieri i laboratori di ricerca dell’Insean». L’intenzione è di confinanziare le spese a carico dei cantieri che intendono utilizzare i
laboratori della Vasca Navale, in modo da sostenere la collaborazione fra l’istituto di ricerca e la realtà produttiva, incentivando i processi d’innovazione e trasferimento tecnologico.
Tutto questo, in linea con la Comunicazione della Commissione Europea del 10 ottobre 2007 , che caldeggia il sostegno a una politica marittima integrata e il potenziamento della ricerca marina
volta a mitigare gli effetti del cambiamento climatico e alla riduzione dell’inquinamento dovuto ai trasporti marittimi.