L’Ispettorato centrale per il controllo della qualità dei prodotti agroalimentari e il Comando del Corpo delle Capitanerie di Porto hanno siglato un protocollo d’intesa, con l’obiettivo
di agevolare i controlli presso i principali porti nazionali sui prodotti alimentari e i mezzi tecnici per l’agricoltura introdotti via mare in Italia.
L’accordo consolida il rapporto di collaborazione in atto già da tempo tra le due amministrazioni e si inquadra tra le iniziative recentemente assunte per amplificare l’azione di
contrasto alle frodi attraverso la sinergia degli interventi dei diversi Organi di controllo che operano in campo agroalimentare con competenze diversificate, ma con l’intento comune di
tutelare la qualità delle produzioni nazionali ed assicurare la legalità degli scambi commerciali.

“L’iniziativa riveste grande interesse” ha dichiarato il Ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali, Paolo De Castro, “rappresentando un ulteriore utile
strumento finalizzato ad elevare il livello di garanzia per i consumatori sulla sicurezza e la qualità e a contrastare i fenomeni di sleale concorrenza a danno degli
operatori”.
Il protocollo prevede, in particolare, l’interscambio preventivo di informazioni, allo scopo di indirizzare i controlli in modo più selettivo e di favorire la loro efficacia, e ulteriori
forme di collaborazione per la verifica della qualità delle merci che arrivano negli scali italiani.
L’Ispettore Generale Capo Dott. Giovanni Lo Piparo e l’Ammiraglio D’Assati sottolineano congiuntamente l’importanza del protocollo d’intesa sottoscritto, che consentirà tempestivi
interventi sulle merci introdotta via mare, in una fase molto anticipata rispetto alla distribuzione commerciale.

www.avvisatore.it