De Magistris: «se mi succede qualcosa c'è un diario»

Sta raccogliendo appunti e memorie in un diario, tutto scritto nero su bianco. Così, spiega Luigi De Magistris, se mi dovesse succedere qualcosa si capirebbe chi è stato. In
un’intervista a La Stampa il pubblico ministero di Catanzaro spiega che sta segnando tutte le cose anomale che gli accadono e di aver avuto la sensazione di un pericolo fisico quando ha
iniziato a fare le dichiarazioni pubbliche.

De Magistris punta il dito contro alcuni colleghi. «Lo sanno tutti che ci sono magistrati che frequentano salotti a Catanzaro dove ci sono personaggi eccellenti che
dovrebbero essere sottoposti all’ attenzione investigativa», ha dichiarato, sottolineando che oggi tutto ruota attorno ai finanziamenti europei, alle societa’ pubblico-privato e alle
consulenze.

Related Posts
Leave a reply