Torino, 13 Giugno 2007 – Ieri l’Unione Europea ha deciso di introdurre una soglia di tolleranza allo 0.9% per la presenza di organismi geneticamente modificati nei prodotti biologici,
malgrado l’Italia, rappresentata dal Ministro Paolo De Castro, avesse fortemente sostenuto, insieme ad altri Paesi, una soglia non superiore allo 0,1%.

“È una decisione che lascia sconcertati – afferma l’Assessore all’Agricoltura della Regione Piemonte Mino Taricco – per la superficialità e la cedevolezza a interessi di parte.
Siamo comunque grati al Governo Italiano e al Ministro per l’Agricoltura Paolo De Castro per l’impegno e la battaglia sostenuta per evitare una decisione di questa natura, che danneggia in modo
grave la potestà decisionale dei consumatori. Sicuramente adesso inizierà un percorso in Italia e, per quel che mi riguarda, nella Regione Piemonte, per predisporre un quadro
normativo molto più restrittivo che restituisca certezza e trasparenza ai consumatori.

Ciò che deve essere messo al centro – conclude l’Assessore Taricco – sono le precauzioni per l’ambiente e per la salute dei consumatori e non gli interessi di lobby che non vogliono
rischiare di dover spendere per controllare e garantire certezza e sicurezza alimentare”.

www.regione.piemonte.it