DECRETO 23 Marzo 2007

Gazzetta Ufficiale n. 122 del 28 Maggio 2007.

post 1180483200 border 1505952000

Sulla GU n. 122 del 28 maggio 2007 è stato pubblicato il decreto del Ministero dello Sviluppo Economico che determina il diritto annuale dovuto dalle imprese alle camere di
commercio.
In particolare il decreto per il 2007 stabilisce che:
– per le imprese iscritte e per le imprese individuali annotate nella sezione speciale del Registro delle imprese il diritto annuale è pari a Euro 80,00;
– per le imprese con ragione di società semplice non agricola il diritto annuale pari a Euro 144,00;
– per le società iscritte nella sezione speciale il diritto annuale pari a Euro 170,00;
– per la sede legale di tutte le imprese iscritte nella sezione ordinaria del Registro delle imprese, anche se annotate nella sezione speciale, il diritto annuale si determina applicando al
fatturato dell’esercizio 2006 le misure fisse o aliquote per scaglioni di fatturato riportate nel testo del decreto.
– le nuove imprese iscritte nella sezione ordinaria del Registro delle imprese nel corso del 2007 e dopo l’entrata in vigore del decreto sono devono versare, entro trenta giorni dalla
presentazione della domanda dell’iscrizione, tramite modello F24 o direttamente allo sportello camerale, i seguenti diritti:

   – imprese individuali; Euro 93;
   – società cooperative; Euro 93;
   – consorzi; Euro 93;
   – società di persone; Euro 170;
   – società di capitali; Euro 373

E Le nuove unità locali, che si iscrivono nel corso del 2007, appartenenti ad imprese già iscritte nella sezione ordinaria del Registro delle imprese, devono pagare un diritto
pari al 20% dei suddetti importi.

DECRETO 23 Marzo 2007
Scarica il documento completo in formato .Pdf

Nessun commento

    Nessun commento!

    Non ci sono ancora commenti, ma puoi essere il primo a commentare questo articolo.

    Rispondi

    Leave a Reply

    Your email address will not be published. Required fields are marked *

    Decreto 23 marzo 2007

    Gazzetta Ufficiale n. 90 del 18 Aprile 2007.

    post 1177113600 border 1505952000

    Sulla GU n. 90 del 18 aprile 2007 è stato pubblicato il decreto 23 marzo 2007 del Ministro dell’Economia e delle Finanze, relativo al patto di stabilità interno 2007/2009e alla
    determinazione degli obiettivi programmatici per le province e i comuni con popolazione superiore a 5.000 abitanti.

    Il decreto, in particolare, dà applicazione all’art. 1, comma 685 della legge Finanziaria 2007, che stabilisce: “Per il monitoraggio degli adempimenti relativi al patto di
    stabilità interno, le province e i comuni con popolazione superiore a 5.000 abitanti trasmettono trimestralmente al Ministero dell’economia e delle finanze – Dipartimento della
    Ragioneria generale dello Stato, entro trenta giorni dalla fine del periodo di riferimento, utilizzando il sistema web appositamente previsto per il patto di stabilità interno nel sito
    “www.pattostabilita.rgs.tesoro.it”, le informazioni riguardanti sia la gestione di competenza, secondo la definizione indicata al comma 683, sia quella di cassa, attraverso un prospetto e con
    le modalità definiti con decreto del predetto Ministero, sentita la Conferenza Stato-città ed autonomie locali. Con lo stesso decreto e’ definito il prospetto dimostrativo
    dell’obiettivo determinato per ciascun ente ai sensi dei commi 678 e 679.”

    Il decreto, dunque, stabilisce che i comuni e le province con più di 5000 abitanti debbano fornire al Ministero le informazioni previste mediante le modalità ed i prospetti
    contenuti dagli allegati A e B.

    Per la trasmissione deve essere utilizzato il sistema previsto dal sito internet www.pattostabilita.rgs.tesoro.it entro
    trenta giorni dalla data utile per l’approvazione del bilancio di previsione per l’anno 2007.

    DECRETO 23 marzo 2007
    «Patto di stabilità interno» 2007/2009. Articolo 1, comma 685, della legge 30 dicembre 2006, n. 296. Determinazione degli
    obiettivi programmatici per le province e i comuni con popolazione superiore a 5.000 abitanti”.

    IL RAGIONIERE GENERALE DELLO STATO

     Visto l’art. 1, comma 685, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 in cui e’ previsto che per il monitoraggio degli adempimenti del patto di stabilità interno le province e i comuni
    con popolazione superiore a 5.000 abitanti trasmettono trimestralmente al Ministero dell’economia e delle finanze – Dipartimento della ragioneria generale dello Stato entro trenta giorni dalla
    fine del periodo di riferimento, utilizzando il sistema web appositamente previsto per il patto di stabilità interno nel sito www.pattostabilita.rgs.tesoro.it, le informazioni
    riguardanti sia la gestione di competenza, secondo la definizione indicata al comma 683, sia quella di cassa, attraverso un prospetto e con le modalità definiti con decreto del predetto
    Ministero, sentita la Conferenza

    Stato città ed autonomie locali. Con lo stesso decreto e’ definito il prospetto dimostrativo dell’obiettivo determinato per ciascun ente ai sensi dei commi 678 e 679 dell’art. 1 della
    stessa legge n. 296 del 2006;

     Ravvisata l’opportunità di procedere, al fine di dare attuazione alle disposizioni di cui all’art. 1, comma 685, ultimo periodo, della legge 27 dicembre 2006, n. 296,
    all’emanazione del decreto ministeriale concernente il prospetto dimostrativo dell’obiettivo determinato per ciascun ente ai sensi dei commi 678 e 679 dell’art. 1 della stessa legge n. 296 del
    2006 e, successivamente, all’emanazione del decreto relativo al prospetto e alle modalità per il monitoraggio degli adempimenti del patto di stabilità interno e alla verifica del
    rispetto degli obiettivi del patto di stabilità interno;

     Visto il comma 678, lettera a), dell’art. 1 della citata legge n. 296 del 2006 che fa riferimento al saldo medio di cassa, come definito dal comma 680, quale differenza tra le entrate
    finali, correnti e in conto capitale, e le spese finali, correnti e in conto capitale, al netto, rispettivamente, delle riscossioni di crediti e delle concessioni di crediti, quali risultano
    dai conti consuntivi;

     Visto il comma 683 dell’articolo 1 della citata legge n. 296 del 2006 che fa riferimento, ai fini della determinazione degli obiettivi programmatici, al saldo finanziario medio definito
    dal comma 680 al netto delle entrate in conto capitale riscosse nel triennio 2003-2005 derivanti dalla dismissione del patrimonio immobiliare e mobiliare destinate, nel medesimo triennio,
    all’estinzione anticipata di prestiti;

    Sentita la Conferenza Stato-città ed autonomie locali.

    Decreta:

    Articolo unico

    1. Le province e i comuni con popolazione superiore a 5.000 abitanti forniscono al Ministero dell’economia e delle finanze dipartimento della ragioneria generale dello Stato – le informazioni
    di cui all’art. 1, comma 685, ultimo periodo, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, con le modalità ed i prospetti definiti dagli allegati A e B al presente decreto.

     2. I prospetti devono essere trasmessi – utilizzando il sistema web appositamente previsto per il patto di stabilità interno nel sito www.pattostabilita.rgs.tesoro.it entro trenta
    giorni dalla data ultima utile per l’approvazione del bilancio di previsione per l’anno 2007 o, nel caso in cui il bilancio sia stato già approvato, entro trenta giorni dalla data di
    pubblicazione del presente decreto nella Gazzetta Ufficiale.

     Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

     Roma, 23 marzo 2007

     Il Ragioniere generale dello Stato: Canzio

      —->   Vedere Allegati da pag. 4 a pag. 22 della G.U
    <—-

    Nessun commento

      Nessun commento!

      Non ci sono ancora commenti, ma puoi essere il primo a commentare questo articolo.

      Rispondi

      Leave a Reply

      Your email address will not be published. Required fields are marked *