Sulla G.U. n. 139 del 18 giugno 2007 è stato pubblicato il decreto legge 18 giugno 2007, n. 69, recante misure urgenti per l’attuazione di disposizioni comunitarie in materia di
liberalizzazione dei mercati dell’energia.

Il decreto, in particolare, stabilisce che dal 1 luglio l’attività di distribuzione di energia elettrica per le imprese le cui reti alimentano almeno 100.000 clienti finali debba essere
svolta in regime di separazione societaria rispetto all’attività di vendita. Tali imprese di distribuzione, che svolgano alla data del 30 giugno 2007 l’attività di vendita di
energia elettrica in forma integrata, devono costituire 180 giorni dalla data di entrata in vigore del decreto, una o più società per azioni alle quali trasferiscono i beni e i
rapporti, le attività e le passività relativi all’attività di vendita.

Dal 1° luglio 2007, inoltre, i clienti finali domestici hanno diritto di recedere dal preesistente contratto di fornitura di energia elettrica come clienti vincolati, secondo
modalità stabilite dall’Autorità per l’energia elettrica e il gas, e di scegliere un fornitore diverso dal proprio distributore. In mancanza di tale scelta, l’erogazione del
servizio per i clienti finali domestici non riforniti di energia elettrica sul mercato libero è garantita dall’impresa di distribuzione, anche attraverso apposite società di
vendita, e la funzione di approvvigionamento continua ad essere svolta dall’Acquirente Unico Spa.

Decreto legge 18 Giugno 2007, n. 73
Scarica il documento completo in
formato .Pdf