Secondo i meteorologi la prossima sarà la settimana più fredda in assoluto degli ultimi 27 anni, e andrà a coincidere con il periodo in cui è previsto il picco di
massima intensità dell’influenza, atteso tra il 31 gennaio e il 13 febbraio. A tal proposito la Coldiretti ha divulgato delle semplici linee guida per contrastare gli effetti che il
freddo ha sul nostro organismo e per rinforzare le difese immunitarie.

Come prima cosa non devono mancare i carboidrati (pane, pasta ecc…) da cui l’organismo ricava energia, in quanto con il freddo intenso l’uomo, essendo un animale isotermico, per mantenere
stabile la propria temperatura consuma più energia del solito.

Nella dieta antigelo devono abbondare le vitamine, in particolare la Vitamina C, antiossidante e coadiuvante del sistema immunitario, che si trova nella frutta e in particolare negli agrumi,
quindi via libera a clementine, mandarini, arance e nei kiwi; la vitamina A presente in diverse verdure di stagione come zucca, zucchine, spinaci, cicoria, ravanelli, carote, broccoli; le
vitamine del gruppo B che intervengono in numerose reazioni del metabolismo con cui l’organismo ricava energia, anche termica, dal cibo che troviamo nei cereali integrali, nei legumi, nelle
carni rosse, nell’uovo, e nelle verdure a foglia verde (spinaci, broccoli, scarole); la vitamina D, sostegno per il sistema immunitario, abbondante in pesce, latte, uova.

Un altro alimento molto utile in questo periodo è il miele, ricco di vitamine e sali minerali, da assumere a colazione con il latte caldo oppure per dolcificare te e tisane, che in
questo periodo sono fortemente consigliate perché aiutano ad alleviare il freddo.

Protagoniste della dieta antigelo devono essere anche le zuppe, composte da legumi (Ceci, fagioli, lenticchie, piselli) che oltre a contenere vitamina B apportano all’organismo anche ferro,
sali minerali, lecitina (immunizzante per le infezioni batteriche). Arricchite con cereali (riso, farro, orzo) e anche alle verdure (zucca, spinaci scarole) forniscono carboidrati complessi,
proteine e fibra e in più consumate calde sono utilissime per fornire calore immediato all’organismo.

Fonte: www.coldiretti.it


Dott.ssa Maria Rosaria Baldi  
Newsfood.com