Diete delle star? Inutili e/o pericolose

Diete delle star? Inutili e/o pericolose

Il recente successo commerciale di Meratol (leggi articolo), pillola per
dimagrire molto apprezzata ad Hollywood, ha riacceso i riflettori sulle diete dei vip. Cantanti, attori e modelle: molti di loro decidono infatti di perdere peso come sistemi ad hoc, spesso non
convenzionali.

Bisogna però ricordare come le diete “strane” tendano ad essere inutili, se non dannose: anche una perdita di peso eccessiva, in tempi e modi, è lesiva per la salute.

Il ruolo di Grillo parlante è svolto dalla British Dietetic Association, BDA, che raccoglie i medici alimentari della Gran Bretagna. I suoi esperti hanno così creato una sorta di
“lista nera” delle diete delle celebrità.

Le diete delle star da evitare sono molte. Ecco allora il podio, che raccoglie quelle che secondo i medici BDA sono le peggiori tre:

  • La dieta del gruppo sanguigno. Sponsorizzata dalla cantante Cheryl Cole, è (non a sorpresa) particolarmente amata dai suoi fan. Per il team BDA, tale metodo non ha valore
    scientifico e può abbassare troppo i livelli di calcio

  • La dieta dello sciroppo d’acero. Viene seguita da Naomi Campbell, attrice, e da Beyonce Knowles, cantante ed attrice. Il giudizio finale non cambia: per gli esperti, non ha valore
    nutritivo ed è particolarmente difficile da seguire: la noia degli alimenti porta così a distrazioni molto caloriche

  • La dieta della zuppa di cavolo (detta anche Zuppa di Cavolo). E’ usata spesso da Sarah Michelle Gellar, conosciuta in Italia per il suo ruolo di Cacciatrice nella serie TV “Buffy”.
    Anche tale metodo, è inutile oltreché a durata limitata.

FONTE: “Top 5 Worst Celebrity Diets to Avoid in 2011”, BDA Press Centre, 13/12/010

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento