Donne: una mela al giorno riduce peso e colesterolo cattivo

La tradizione riporta numerose storie legate a donne che finiscono male dopo aver consumato una mela,come Eva nel giardino dell’Eden o Biancaneve, ingannata dalla matrigna cattiva. Bene, queste
sono solo storie: in realtà, la mela è amica delle donne, capace di ridurre il peso ed i livelli di colesterolo HDL.

Questa la conclusione di una ricerca della Florida State University, diretta dal dottor Bahram Arjmandi e presentata ad “Experimental Biology”, conferenza di settore in corso a Washington.

L’equipe di lavoro ha selezionato 160 volontarie, donne tra i 45 ed i 64 anni. Tali signore sono state divise in due gruppi: il primo ha consumato 75 grammi di prugne secche al giorno, il
secondo la stessa quantità di mele essiccate. Tale consumo è durato un anno e si è aggiunto alla dieta normale. Durante l’indagine, le volontarie hanno subito prelievi di
sangue ad intervalli regolari: all’inizio della sperimentazione e dopo 3,6,12 mesi.

Le analisi hanno evidenziato diversi cambiamenti nel secondo gruppo (donne consumatrici di mele). Le sue appartenenti avevano ottenuto un peso minore (1,5 Kg in meno) ed una riduzione (-23%)
del colesterolo HDL, il colesterolo cattivo.

In più lo stato di alcuni marcatori, come la proteina C-reattiva, suggeriva una maggiore resistenza dell’organismo alle malattie cardiache.

Nonostante i dati debbano essere confermati da analisi più estese, i ricercatori hanno accolto con favore i risultati. Ammette esplicitamente Arjmandi: “I cambiamenti nelle donne sono
stati incredibili”.

FONTE: “Apple a day’ advice rooted in science”, Federation of American Societies for Experimental Biology, 12/04/011

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento