Emergenza rifiuti, dal 14 maggio il processo a Bassolino e altri 27 imputati

Sono quattro i reati ipotizzati per Antonio Bassolino, rinviato a giudizio con altre 27 persone nell’ambito dell’inchiesta sull’emergenza rifiuti in Campania: frode in pubbliche forniture,
truffa aggravata ai danni dello stato, falso e abuso d’ufficio; i fatti risalirebbero al periodo tra il 2001 e il 2004 quando il Governatore della regione era stato nominato commissario per
l’emergenza rifiuti.

«Una decisione già annunciata hanno commentato i legali di Bassolino. Tra gli altri imputati ex vertici del commissariato di governo per l’emergenza, dirigenti e funzionari di
imprese tra cui l’Impregilo e la Fibe e alcuni responsabili di impianti di Combustibile derivato dai rifiuti. Il processo comincerà il 14 maggio davanti alla quinta sezione del tribunale
di Napoli. Intanto continuano le manifestazioni di protesta contro l’apertura dei siti di stoccaggio. Ieri a Giugliano una donna si è legata al cancello della discarica di Taverna De Re
e si è data fuoco. La donna ha riportato solo lievi ustioni.

Related Posts
Leave a reply