Emilia Romagna da record con 60 metri di sfoglia CheftoChef

Emilia Romagna da record con 60 metri di sfoglia CheftoChef

Una sfoglia lunga 60 metri per un’Emilia Romagna da record

Martedì 22 settembre a EXPO, 35 cuochi di CheftoChef, altrettante Mariette di Casa Artusi e Sfogline emiliane hanno tirato a mano e riempito con 50 ripieni la sfoglia da guinness

La sfoglia ripiena di 60 metri è un record. Il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini, insieme all’Assessore Regionale all’Agricoltura Simona Caselli e al presidente dell’associazione CheftoChef emiliaromagnacuochi Massimo Spigaroli, alle 18.30 del 22 settembre a Expo, hanno inaugurato questa performance gastronomica unica. Il gruppo di 35 chef emiliano romagnoli dell’associazione CheftoChef insieme ad altrettante Mariette di Casa Artusi e Sfogline emiliane, hanno preparato e farcito la sfoglia ripiena più lunga sinora mai realizzata: 60 metri, tirata rigorosamente a mano. Una lunga tavolata, posizionata nel Cardo Sud, dove spiccava il bianco delle divise e il colore giallo delle uova e della pasta. E poi mattarelli all’opera, con quella gestualità e maestria che solo le donne dell’Emilia Romagna hanno nel proprio DNA.

E’ stato il trionfo dei ripieni e delle forme che caratterizzano ognuno di questi piccoli capolavori, simbolo della biodiversità della regione Emilia Romagna. In “pochi” metri, da Rimini a Piacenza, sono stati racchiusi più di 250 chilometri di storia, saperi e tradizioni. Tortelli piacentini con la coda, gli anolini della Val d’Arda, le mezze maniche del frate, i tortelli di Parma, i cappelletti reggiani, i tortellini modenesi e quelli con il ripieno del contado di San Giovanni in Persiceto, gli anolini morbini di Mezzani, i tortellini ripieni di castagne, i tortelli ripieni di Parmigiano Reggiano, i cappelletti ripieni di Mora romagnola, quelli con pane e peperoni, i cappellacci di zucca, i ravioli con le anguille di Goro e le verze, i cappelletti con il ripieno di poveracce (le piccole vongole dell’Adriatico), i raviolini con il ripieno di gallinella e i tortelli di patate dell’Alto Savio con il formaggio di fossa.

E per chiudere la performance tutti gli chef e le sfogline in un lungo corteo hanno lasciato i loro piani di lavoro per dirigersi verso l’Albero della Vita, facendo prima un saluto di rito davanti al padiglione della loro amata regione. Le paste ripiene sono state donate al Refettorio Ambrosiano, nato da un’intuizione di Massimo Bottura e di Davide Rampello, per essere poi preparate dagli chef che si alternano al servizio della comunità.

Entusiasta la famiglia Grassi, titolare del Molino Grassi di Parma, che ha fornito circa 100 kg di una particolare farina adatta a tirare la sfoglia perfetta. «La Farina 00 Pasta che abbiamo scelto per questa performance da record» commenta Federica Grassi «è studiata appositamente per la pasta fresca, in quanto ha un basso contenuto di ceneri. Questo consente alla pasta di mantenere un bel colore giallo. Inutile dire che siamo orgogliosi di aver sostenuto con un prodotto made in Italy, e per di più emiliano romagnolo, questa importante prova».

Fare il guinness della pasta ripiena più lunga d’Italia è stato il giusto finale a coronamento del Viaggio dell’Emilia Romagna verso Expo; un viaggio slow tra il Po e l’Appennino, attraversando la via Emilia, che ha visto 35 appuntamenti nelle piazze nei borghi appenninici, sulle motonavi, a cui hanno partecipato decine di migliaia di persone (30.000 presenze) curiose di sapere e di scoprire la straordinaria biodiversità di questa regione.

La realizzazione di questo progetto è stata possibile grazie alla stretta collaborazione dell’associazione CheftoChef emiliaromagnacuochi, la Regione Emilia-Romagna, APT Servizi e Slow Food Emilia Romagna.

Un particolare ringraziamento va ai partner del progetto: l’Enoteca Regionale Emilia Romagna, Confagricoltura Emilia Romagna, Unioncamere Emilia Romagna, Ais Emilia e Ais Romagna, Ufficio Scolastico Regionale dell’Emilia Romagna; ai main-sponsor Consorzio del Parmigiano Reggiano, Olitalia, Mielizia-Conapi e Consorzio del Prosciutto di Parma.

Il viaggio si avvale del patrocinio di Expo 2015, Touring Club Italiano, Anci, Cai, Aipo e Associazione Nazionale Marinai d’Italia.

www.viaggioversoexpo.it –

HASHTAG UFFICIALE: #cheftoexpo

(foto di Giorgio Salvadori)

Related Posts
Leave a reply