Roma, 4 Ottobre 2007 – L’Enit vuole rafforzare la presenza all’estero dei suoi osservatori e punta a nuove sinergie con l’Ice e le Camere di commercio.

Oggi sono state presentate le linee del piano Esecutivo 2008: oltre 28 milioni di euro per la promozione dell’Italia all’estero nel 2008, riapertura dell’ufficio di Buenos Aires, posizionamento
a Seattle di un osservatorio tecnologico e di un altro osservatorio a Dubai: sono questi alcuni dei capisaldi del Piano per l’anno prossimo illustrati al presidente dell’Enit-Agenzia nazionale
del turismo, Umberto Paolucci e dal direttore, Eugenio Magnani.

«L’Enit sta attivando le procedure per potenziare la presenza all’estero dei suoi osservatori – ha spiegato Paolucci – che oggi operano efficacemente in molti mercati emergenti come la
Cina, l’India, il Brasile , la Corea e la Polonia, Paesi che sono i nostri grandi serbatoi futuri di domanda. Sempre in sinergia con l’Ice, l’Istituto per il commercio estero e le Camere di
commercio italiane all’estero, ne apriremo di nuovi in Europa (da qui arriva l’80% di turisti in Italia), in particolare a Budapest e a Praga». Paolucci ha ricordato che saranno quasi 30
milioni gli euro stanziati dalla Finanziaria per l’Enit il prossimo anno, «ma la sfida principale – ha osservato – e’ lavorare con le Regioni mettendo insieme le risorse».