Milano Manzoni Cultura 2017: programma vario e ricco con i grandi nomi della cultura italiana, musica, spettacolo, sport e creatività

 

Bastano la parole dell’ideatore della rassegna, l’attore Edoardo Sylos Labini, per presentare la 4^ edizione di Manzoni Cultura, che debutta lunedì 2 ottobre al Teatro Manzoni di Milano con lo stesso Sylos Labini che per l’occasione smette i panni dell’attore per indossare quelli del conduttore in un avvincente faccia a faccia accompagnato da immagini, video inediti e musiche live di Alice Viglioglia: “anche quest’anno il Manzoni Cultura presenta un programma vario e ricco con i grandi nomi della cultura italiana che si racconteranno in modo inconsueto, spontaneo e sincero. Musica, spettacolo, sport e creatività, con un focus sull’attualità, saranno i temi principali che legheranno i protagonisti della rassegna al grande pubblico con il quale condivideranno emozioni, curiosità e performance dal vivo. Importante novità di questa edizione è la suggestiva location presso il Mondadori Megastore di Piazza Duomo che, insieme al Teatro Manzoni, accoglierà gli ospiti”.

Davide Van De Sfroos

Non mancheranno, poi, le incursioni OFF del direttore de IlGiornaleOFF.it, Giovanni Terzi, e la partecipazione attiva del pubblico chiamato ad interfacciarsi con gli ospiti. Insomma, un cartellone inedito capace di appassionare un pubblico in costante crescita, è stato evidenziato in occasione della presentazione della rassegna da parte dell’ideatore, Terzi e dal direttore marketing Mondadori retail Francesco Riganti. E, sì, perché i luoghi deputati a raccogliere le storie, le rivelazioni e gli aneddoti dei personaggi più amati del mondo della cultura, come abbiano detto, sono il palcoscenico del Teatro Manzoni, per l’occasione trasformato in salotto, e il terzo piano del Mondandori Megastore di piazza Duomo, che insieme si sono posti l’obiettivo di favorire la diffusione di cultura e intrattenimento attraverso prodotti, servizi ed eventi, che indaghino la quotidianità attraverso i filtri dell’arte e della cultura, raccontandola con le parole di grandi artisti.
Si comincia dal Teatro Manzoni, lunedì 2 ottobre, alle ore 20.45, con Davide Van De Sfroos (cioè, Davide Bernasconi), un delle voci più originali della scena musical-letteraria italiana. Van De Sfroos è vincitore di due Premi Tenco e, oltre ad essere celebre per i testi in dialetto comasco ha recentemente entusiasmato gli spettatori in un concerto-evento a San Siro.
Con il secondo appuntamento, il 22 novembre, si cambia location con il “debutto” di Mondadori-Duomo, dove Ambra Angiolini si presenterà come moglie obbediente nel coinvolgente spettacolo “La guerra dei Roses” di Warren Adler, a fianco dell’attore vicentino Matteo Cremon in una commedia straordinaria, raffinata e caotica al tempo stesso.

Per due appuntamenti successivi si torna al Manzoni. Il 18 dicembre con Vincenzo Salemme, attore, autore, regista teatrale e cinematografico, sceneggiatore e doppiatore. E l’8 gennaio con il mitico Alex Zanardi che dopo i successi in Formula1, subisce l’amputazione delle gambe ma si “rialza” e diventa plurimedagliato alle “altre” Olimpiadi.

Gli altri protagonisti della IV edizione di Manzoni Cultura sono Giordano Bruno Guerri (l’1 febbraio da Mondadori), giornalista e storico che in questo caso sarà patrocinatore dello spettacolo teatrale “D’Annunzio Segreto” di Edoardo Sylos Labini. Invece il 12 marzo, tornando al Manzoni, sarà in scena la giornalista e scrittrice Selvaggia Lucarelli, accompagnata dal musicista Lorenzo Bigiarelli. Un solo appuntamento nel mese di aprile, l’11 al Mondadori, con una delle coppie più amate e apprezzate del panorama teatrale italiano, Lorella Cuccarelli e Giampiero Ingrassia. Conclusione il 9 maggio, al Mondadori Megastore, con Corrado Tedeschi, protagonista insieme a Brigitta Boccoli della commedia di Gianni Clementi “Quel pomeriggio di un giorno da star”.

 

Prima o dopo lo spettacolo, non sarebbe male l’incursione in qualche locale che si può incontrare nel percorso Teatro Manzoni-Megastore Mondadori.
Per la scelta ci siamo affidati a “Milano e il meglio della Lombardia 2018” di Gambero Rosso (costa solo 10 euro e, riteniamo, ben spesi), pescando nella sezione “Mangiarsempre”.

Armani Bamboo bar
– via Manzoni, 31 – t. 02.88838000
al 7^ piano dell’Armani hotel dove si trova un’interessante proposta di Bloody Mary con diversi succhi di pomodoro.

Armani Nobu
– via G. Pisoni, 1 – t. 02.62312645
è all’interno dell’Emporio Armani Store con al primo piano il sushi e a quello superiore c’è il ristorante che propone il menù del celebre Nobuyuki Matsuhisa.

Il Bar del Bulgari Hotel
– via privata F.lli Gabba, 7b – t. 02.805805233
impeccabili i cocktail come Manhattan e Cosmopolitan.

Camparino in Galleria
– piazza Duomo, 21 – t. 02.86464435
basta solo dire che è un bar leggendario.

Mandarin bar & bistrot del Mandarin Oriental
– via Andegari, 6 – t. 02.87318898
il servizio è di altissimo livello in qualsiasi momento della giornata.

Mio bar del Park Hyatt hotel
– via S. Pellico, 3 – 02.88211234
ambiente classico, tranquillo e proposte da cinque stelle.

Straff
– via San Raffaele, 3 – t. 02.805081
un locale dall’atmosfera ricercata e dagli arredi curati con oggetti di design ed elementi vintage.

 

Michele Pizzillo
Newsfood.com