F77: un anticorpo contro il cancro alla prostata

F77: un anticorpo contro il cancro alla prostata

Creato un anticorpo in grado di contrastate il cancro alla prostata.

La molecola, chiamata F77, agisce su due fronti: supporta il sistema immunitario ed attacca in proprio le cellule infette. In questo modo, può essere utile contro la malattia, sia nella
fase iniziale che nello stadio avanzato.

E’ il risultato di una ricerca dell’Università della Pennsylvania, diretta dal dottor Mark Greene e pubblicato da “Proceeding of the National Accademy of Sciences” (PNAS).

Il team del dottor Greene ha sperimentato F77 su un gruppo di topi colpiti da tumore delle prostata aggressivo e di notevoli dimensione. L’osservazione ha mostrato gli ottimi risultati della
molecola, capace di spazzare via letteralmente il carcinoma.

Gli studiosi fanno notare come le terapie attuali (basate sul controllo degli androgeni, ormoni maschili) dopò un po’ perdono efficacia, in quanto l’organismo sviluppa resistenza e non
risponde più. Al contrario, F77 ha le potenzialità per durare nel tempo, risultando valida soluzione anche per i cancri “ostinati” ed i pazienti con recidive.

In più, la molecola può essere dotata di marcatore radioattivo, capace di segnalare, la la diffusione del carcinoma prostatico, rivelando loro con precisione come e dove sta
crescendo.

Va ricordato però come tali risultati non siano definitivi e sia per questo necessario attendere ulteriori verifiche. Il dottor Greene è comunque ottimista: egli fa notare come,
mentre gli anticorpi sono stati già utilizzati nella lotta contro altre malattie come i linfomi e il cancro al seno, quelli adatti per l’uso contro il cancro alla prostata sono stati
rari.

LINK alla ricerca

Matteo Clerici

Leggi Anche
Scrivi un commento