Fabrizio Rindi, Kairos Sim: Milano, territorio dal potenziale unico

Fabrizio Rindi, Kairos Sim: Milano, territorio dal potenziale unico

Brexit – Autorita’ bancaria europea a Milano – Campagna di opinione: QN Il Giorno del 2 luglio  2016 pag. 3.  Intervista a Fabrizio Rindi
Istituto Europa Asia IEA
EUROPASIA
Europe Asia Institute
Informa

Brexit – Autorita’ bancaria europea a Milano – Campagna di opinione: QN Il Giorno del 2 luglio  2016 pag. 3.  Intervista a Fabrizio Rindi
«Burocrazia più rapida ed efficiente per diventare protagonisti in Europa»

Fabrizio Rindi:
Milano è un territorio dal potenziale unico

IL RISULTATO inaspettato del referendum in Gran Bretagna ha aperto il dibattito sulle nuove opportunità per Milano di acquisire centralità all’interno dell’Unione Europea e di aggiudicarsi due enti ospitati a Londra: l’Agenzia europea per il farmaco e l’Autorità Bancaria Europea (Eba).

Il governatore Roberto Maroni e il sindaco Giuseppe Sala si sono già detti interessati ad aprire le porte cittadine alle due istituzioni. Abbiamo deciso di approfondire il tema sulle pagine del Giorno interpellando rappresentanti del
mondo produttivo, esperti di finanza e addetti ai lavori.
Dopo il presidente di Assoedilizia e dell’Istituto Europa Asia, Achille
Colombo Clerici, il presidente dell’Associazione Bancaria Italiana, Antonio Patuelli, il presidente della Camera di commercio Italo-russa e italo-iraniana, Rosario Alessandrello, il presidente
onorario della Camera della Moda di Milano, Mario Boselli, oggi è
il turno di Fabrizio Rindi, presidente di Kairos Sima e già numero uno della Camera di commercio svizzera in Italia.

di LUCA ZORLONI

MILANO

FABRIZIO RINDI, presidente
di Kairos Sim spa, compagnia del gruppo Julius Baer e. già numero uno della Camera
di commercio svizzera in
Italia, quante chance può avere Milano per aggiudicarsi l’Autorità bancaria europea
(Eba)?

«Abbiamo tutte le caratteristiche, tra cui l’area meravigliosa ex Expo.
Quello che preoccupa aziende o banche di respiro internazionale
a venire da Londra a Milano sono burocrazia e certezza del diritto.
Temi su cui siamo deboli. Escono sempre sentenze che si prestano a dubbie interpretazioni. Per chi fa
di rapidità ed efficienza un punto di forza non si può correre il rischio di essere imbragati in burocrazia
e incertezza del diritto. Milano è la punta di diamante, ha un potenziale che nessun altro territorio
in Italia ha. Però bisogna sbloccare queste situazioni.
Questo è un Paese che avrebbe bisogno di un
governo di unità nazionale».

La decisione tocca alla politica europea, settore in cui non siamo forti.

«Sono d’accordo,mandiamo i nostri rappresentanti già deboli in Europa. Le racconto un aneddoto.
Stavo viaggiando in auto mentre che gli exit poll davano avanti il “remain” per la Gran Bretagna, ma
nei giorni precedenti, quando tutti erano convinti del remain e la finanza
dava segnali di euforia, avevo detto ai miei specialisti: ricordatevi
che c’è la massaia di Manchester.
Questi temi non possono essere oggetto di referendum, ma di decisioni politiche di un governo, non si può far decidere a tutto il
popolo dove tre quarti conoscono un decimo dei problemi che vanno
generando. La Svizzera, che conosco bene, quasi cento anni fa ha
capito che uniti si è più forti, pur avendo caratteristiche differenti».

La finanza che direzioni prenderà dopo la Brexit? Andrà verso la conveniente Dublino o verso Francoforte?

«Su questi temi le riflessioni non si sono potute fare, perché l’evento è nato venerdì ed era del tutto inatteso.
Si parla anche di Olanda. Io penso che Londra sia talmente importante
come piazza finanziaria,
che mi chiedo se proprio partendo da questa importanza della piazza
finanziaria e scendendo a tutti i rapporti che il Regno Unito ha con l’Europa e che vengono messi
in discussione, si faranno accordi per cui Londra con regole riscritte continuerà a poter gestire. E’ tutto
un libro da scrivere. Ci piacerebbe certamente che fosse Milano».

L’Eba che valore potrebbe
avere?

«Darebbe prestigio al Paese, sarebbe un moltiplicatore di immagine
e regolatori di quella portata che governano la finanza europea generano
indotti anche indiretti. E un
acceleratore incredibile».

In che tempi?

«La chiarezza in questo momento è fondamentale: prima la situazione sarà chiara, prima si prenderanno contromisure e i mercati finanziari e le aziende si comporteranno di conseguenza Ma è un evento a cui arriviamo talmente impreparati perché è vero che c’è l’articolo 50 che regola la materia, ma su ogni capitolo bisognerà trovare un accordo. Non ci sarà una soluzione rapida, ogni giorno che passa vedremo un po’ meglio i contorni di una nuova Europa senza Inghilterra. Non posso immaginare che si disgreghi l’Europa; cosi si rischia di tornare indietro al Medioevo degli anni Duemila. Può essere un’uscita soft, della serie stai fuori ma è come se fossi dentro con accordi bilaterali simili a quelli con la Svizzera, ma può essere più dura, per uno scatto di orgoglio dei Paesi fondatori».
(5-continua)

IL PUNTO

Referendum choc

Con l’uscita a sorpresa
della Gran Bretagna
dall’Unione Europea
i due enti continentali
ospitati da Londra
dovranno traslocare
Partono le manifestazioni
di interesse per aggiudicarsi sia l’Autorità Bancaria Europea sia l’Agenzia per il farmaco

Le chiavi del successo

Milano è cresciuta anche
grazie all’Expo del 2015
E proprio l’Esposizione
Universale ha dato modo
agli altri Paesi di notare
i miglioramenti della città
E poi ci sono tutte
le infrastrutture
necessarie: aeroporti
treni ad alta velocità
e nuovi tunnel alpini
completati o in costruzione

I PREGI
DELLA METROPOLI

Il capoluogo lombardo
ha tutte le caratteristiche
per aggiudicarsi l’Eba
tra cui anche l’area
meravigliosa ex Expo

UN VANTO PER L’ITALIA

L’Autorità bancaria europea. se venisse spostata in città darebbe prestigio al Paese e genererebbe indotti anche indiretti

BREXIT

L’Italia e Milano vogliono
trasformare lo choc
per l’uscita dalla Ue
della Gran Bretagna
in un’opportunità

Sotto, Fabrizio Rindi
presidente
di Kairos Sima
e già numero uno
di Camera
di commercio
svizzera in Italia

Foto: il Presidente IEA Achille Colombo Clerici con il Sindaco di Milano Giuseppe Sala

Leggi Anche
Scrivi un commento