Faema a New York ha aperto il primo “Faema pop up store”

Faema a New York ha aperto il primo “Faema pop up store”

Non è un evento da tutti i giorni l’apertura di un temporary story a New York con l’obiettivo di fare conoscere le eccellenze italiane. Nello specifico il caffè, l’espresso all’italiana che alla sola citazione fa scattare la voglia di ammirare la tazzina fumante ancora prima di gustarne il contenuto.

Fino alla fine di giugno, questo desiderio lo soddisfa Faema, che a New York ha aperto il primo “Faema pop up store” che all’evento di apertura ha registrato la partecipazione di oltre 150 persone tra torrefattori, esponenti internazionali della coffee community, giornalisti della stampa italiana presenti negli Stati Uniti, influencer americani, i rappresentanti delle istituzioni italiane presenti a New York e i principali distributori Faema negli Stati Uniti e non solo. E Luigi Di Rocco, Mr Espresso negli Stati Uniti, che ha deliziato i palati con il suo espresso.
Ad animare l’opening sono stati anche numerosi micro roasters che, fino al 29 giugno, proporranno i loro caffè a tutti i coffee lovers che visiteranno il temporary store.

Per tutto il periodo di apertura, il pop up Faema Art & Caffeine di New York ospiterà numerosi eventi aperti al pubblico, ai media e agli influencer di settore: da momenti formativi e creativi tenuti da alcuni dei più importanti guru del caffè, ai dibattiti e presentazioni curate dai professionisti del settore, fino alle competizioni di brewing, latte art e molto altro ancora.


Le degustazioni e le dimostrazioni vedranno come protagonista FAEMA E71E, iconica macchina firmata Giugiaro Design e progettata per esaltare la manualità e l’esperienza del barista nella preparazione di caffè espresso e bevande a base di latte.

Gli eventi da non perdere sono, per esempio, il creative marketing class di brandywine in programma il giorno 13 a cui seguirà, il giorno dopo, il brandywine x sump collaboration release party.

Appuntamento importante sabato 15, con la sostenibilità nel marketing dello speciality coffee con Umeko Motoyoshi, fondatrice di Umeshiso, mentre domenica 16 è in programma un public cupping, con i professionisti di settore e 6-10 diversi caffè a disposizione, per provare una vasta gamma di profili di sapori. Questo evento è aperto al pubblico e non richiede alcuna esperienza nel cupping.

Sarà preceduto da una breve panoramica per tutti coloro che non hanno mai fatto cupping. Sarà possibile assaggiare caffè di origini diverse e scoprire i vari metodi di produzione dei torrefattori.

Il 17 c’è home brewing class per principianti e il 19 latte art throwdown sulle superautomatiche che precedono l’espresso tasting per scoprire le possibilità della X30 (giovedì 20), macchina che il 22 sarà protagonista di X30 in good spirits: happy hour editions, cioè, come realizare cocktail a base di caffè sulla superautomatica Faema; fra i due appuntamenti, il seminario come aprire un caffee shop a New York City in calendario il 21 giugno.

Il 24, infine, CUP4YOU, cioè, una lezione di Jacopo Bambini sull’app CUP4YOU per gestire gli ordini sulle superautomatiche in maniera semplice e intuitiva.

Da immaginare, inoltre, l’iconica FAEMA E71E in continua attività per soddisfare il desiderio dei newyorkesi di gustare all’espresso all’italiana, preparato dai maestri italiani del caffè.
E, quindi, un altro trionfo per l’Italia.

Maria Michele Pizzillo
Newsfood.com

Leggi Anche
Scrivi un commento