Fao: Al via i lavori al Codex Alimentarius

Fao: Al via i lavori al Codex Alimentarius

Roma – Si sono aperti oggi a Roma i lavori della Commissione Codex Alimentarius della Fao (CAC) che si occupa di elaborare le linee guida per la tutela della salute dei consumatori. Alla
sessione, che si concluderà il 4 luglio, partecipano circa 500 tra Paesi membri ed osservatori. Della CAC, costituita dall’Onu e dall’Oms nel 1963, fanno parte 180 Paesi e
un’organizzazione, l’Unione europea, che rappresentano circa il 99% della popolazione mondiale.   

“Il Codex Alimentarius ha compiti propositivi – spiega Anna Maria Bruno, Full Standard Officer della commissione -, le norme che vengono approvate non sono imposte ai Paesi membri, hanno
carattere volontario. Però approvando queste norme i Paesi assicurano la protezione della loro popolazione”.  

In particolare oggi la commissione ha cominciato ad elaborare delle linee guida per i contaminanti. “Di particolare importanza – ha detto ancora Anna Maria Bruno – è stata l’adozione delle
linee guida per il controllo della acrilamide nei prodotti alimentari, una sostanza cancerogena identificata nel 2002, perché si genera durante i processi di cottura. Le linee adottate
servono appunto ad indicare delle procedure per evitarne la formazione. Oggi abbiamo anche esaminato alcune procedure per la prevenzione della diffusione della listeria”.   

In tutto la CAC ha in agenda, in questi sei giorni di lavori, l’adozione di 36 tra codici di comportamento, linee guida e pratiche standard, riguardanti la prevenzione della contaminazione dei
cibi e la protezione degli alimenti e della salute in generale.

Ansa.it per NEWSFOOD.com

Leggi Anche
Scrivi un commento