La FAO ha annunciato oggi il lancio di un nuovo sito web
interattivo sul diritto al cibo, che offre informazioni pratiche dirette a legislatori, giuristi, alla società civile, al personale ONU, al mondo accademico ed a tutti i fruitori di
internet.
Il sito intende aiutare gli utenti ad ampliare le proprie conoscenze ed avere una maggiore consapevolezza sull’inalienabile diritto degli esseri umani al cibo e all’accesso alle
risorse, per lo sviluppo delle capacità a livello nazionale ed internazionale, e trovare indicazioni, strumenti e metodi per la realizzazione del diritto al cibo a livello
nazionale.
Tra le diverse risorse vi sono materiali per la formazione e corsi di apprendimento elettronico a distanza (e-learning), ed una biblioteca virtuale che contiene manuali, articoli tecnici, case
studies e molte pubblicazioni.

Cibo adeguato: un diritto di ogni essere umano
Con diritto al cibo si intende il diritto di ogni essere umano di avere accesso regolare ad una quantità di cibo sufficiente, adeguata dal punto di vista nutrizionale e culturalmente
accettabile, per condurre una vita attiva e salutare. È il diritto di procurarsi da mangiare con dignità ed autonomamente, piuttosto che il diritto ad essere nutriti.

Il sito ( http://www.fao.org/righttofood) offre anche informazioni sulle Direttive Volontarie sul diritto ad una alimentazione
adeguata nel contesto della sicurezza alimentare nazionale, adottate nel novembre 2004 dal Consiglio della FAO, che forniscono un orientamento pratico ai paesi nei loro sforzi per eliminare la
fame mediante un approccio che si basi sui diritti umani.

“L’informazione è decisiva per la realizzazione del diritto al cibo”, dice Barbara Ekwall, coordinatrice dell’Unità FAO per il Diritto al cibo, creata nel
2006 proprio per promuovere il raggiungimento del diritto di ogni essere umano al cibo. “Un diritto può essere rivendicato solo da persone informate. E i diritti possono essere
garantiti, rispettati e protetti solo da un paese che è cosciente dei suoi obblighi e dei mezzi per apportare i cambiamenti necessari. In quanto piattaforma per l’informazione, e
per lo scambio d’informazione, questa dinamica pagina web intende fornire strumenti, a che ne ha il diritto ed a chi ne ha il dovere, per far sì che il diritto al cibo diventi una
realtà”.

Il sito è stato reso possibile grazie ai finanziamenti forniti dal governo tedesco. Per rispondere alle esigenze del più vasto numero di utenti, è disponibile anche in una
versione solo testo, con collegamento in banda stretta, e le informazioni possono essere scaricate su CD e disseminate a livello locale.

“Il sito web di Diritto al Cibo rappresenta un’eccellente risorsa ed un buon esempio di collaborazione interna ed esterna, dalle attività per lo sviluppo di capacità –
come i moduli per l’e-learning basati sulla tecnologia IMARK – al collegamento in rete ai case studies di successo da tutto il mondo”. dice Anton Mangstl, Direttore della
Divisione FAO Scambio di Conoscenza e Sviluppo delle capacità.

Fonte: www.fao.org