Acomplia, la ‘miracolosa’ pillola contro l’obesità che genero’ tanto scalpore quando fu presentata nel 2004, sembra aver perso gran parte del suo fascino: a causa di una serie di dubbi
sulla sua efficienza non riesce ad ottenere il via libera per giungere sul mercato americano.
A distanza di tre anni, scrive il Wall Street Journal, la ‘super pillola’ (a base di rimonabant) uscita dai laboratori della casa farmaceutica Sanofi-Aventis è ancora in attesa del via
libera da parte della Food and Drug Administration (Fda), l’organismo che negli Usa decide se autorizzare prodotti alimentari e farmaceutici. Servono più analisi e un maggior numero di
dati, sostiene la Fda, per valutare gli effetti collaterali della medicina, che sarebbero maggiori di quanto ritenuto in principio e comprenderebbero anche depressione e ansia. Ma Acomplia non
sta avendo vita facile neppure in Europa, dove è stata teoricamente approvata già dall’estate scorsa. Alcuni Paesi, come la Germania, ritengono che la pillola abbia più
controindicazioni che benefici e ne rifiutano la vendita, mentre altri, guidati dalla Francia, ne permettono l’uso solo a pazienti affetti da determinate patologie, come il diabete. Una bella
seccatura per la parigina Sanofi – i cui ricavi di 38 miliardi di dollari nel 2006 la rendono la terza maggiore casa farmaceutica, dietro la Pfizer e la GlaxoSmithKline. SAnofi ha investito
molto nello sviluppo della ‘pillola magica’ per dimagrire e si aspetta da essa un giro d’affari da oltre un miliardo di dollari l’anno, gran parte dei quali probabilmente provenienti dagli
Stati Uniti, che con oltre il 30 per cento della popolazione obesa guidano la classifica dei Paesi ‘sovrappeso’. Presentato fin dall’inizio come un medicinale innovativo, Acomplia combatte
l’obesità bloccando i ricettori che nel cervello regolano l’appetito e il metabolismo. Gli stessi ricettori su cui agisce la marijuana, che pero’ sortisce l’effetto inverso, motivo per
cui chi fa uso di questa sostanza è spesso preso da attacchi di fame. Nel corso dei test, i ricercatori si sono poi resi conto che Acomplia poteva avere anche altri effetti benefici ad
esempio sul livello di colesterolo e degli zuccheri nel sangue. Per qualche tempo, la casa farmaceutica ha anche ritenuto che il medicinale potesse addirittura essere un aiuto per smettere di
fumare, possibilità che la Food and Drug Administration ha invece definitivamente scartato.

test.cybermed.it