Ferrante (AIAB): “Impedire l'autorizzazione Ue del mais OGM Hercules. A rischio la nostra salute”

Lunedì 25 giugno si riunirà un comitato permanente di rappresentanti degli Stati membri dell’Ue per esprimersi sull’autorizzazione del mais Herculex, una varietà
transgenica creata dalla multinazionale del settore Pioneer. Se i rappresentanti votassero in senso favorevole al mais ogm, sarebbe la prima volta che il comitato permanente segue le
indicazioni della Commissione europea in materia di ogm.

“Facciamo nostro l’appello del gruppo Verdi/ALE al Parlamento europeo, affinché il mais Hercules non venga autorizzato in Europa – dice Andrea Ferrante, presidente dell’Associazione
Italiana Agricoltura Biologica, che aggiunge: “Sarebbe gravissimo se una maggioranza qualificata di rappresentanti degli Stati Ue votasse a favore dell’introduzione di una varietà di
mais che diversi studi hanno dimostrato non essere sicura per la nostra salute e per quella degli animali”.

Vi sono seri e fondati motivi di preoccupazione in merito al mais Herculex e persino gli studi presentati dalla società che ne chiede l’autorizzazione mostrano notevoli variazioni nei
parametri del sangue e nel peso del fegato dei topi nutriti con questa varietà geneticamente modificata. Anche se l’EFSA, per l’ennesima volta, ha mancato di tenere conto di questi
effetti, il comitato dei rappresentanti dovrebbe invece adottare un approccio più attento.

Inoltre, si è scoperto di recente che la varietà transegenica di mais Herculex ha contaminato alimenti per bestiame importati dagli Stati Uniti nella Ue. L’Unione europea deve
decidere, rispettando i criteri di severità iscritti nelle nostre norme. Il mais Herculex non deve finire sui nostri mercati fino a che non potranno escludersi rischi per la salute delle
persone e degli animali.

www.aiab.it

Related Posts
Leave a reply