Ferrari Formaggi e Birrificio Angelo Poretti a Cheese 2017

Ferrari Formaggi e Birrificio Angelo Poretti a Cheese 2017

Bra, 17 settembre 2017
Due grandi vecchi brand sottobraccio a Cheese, l’evento che Slow Food dedica ai formaggi esattamente da 20 anni.

I formaggi prodotti da un’azienda di famiglia nata nel 1823, Ferrari Formaggi, e il birrificio Angelo Poretti che il 26 dicembre prossimo festeggerà 140 anni di attività.

Cosa hanno fatto Ferrari – azienda tutta al femminile, visto che a guidarla sono le tre figlie del presidente onorario, Giovanni Ferrari, Silvia, Laura e Claudia, – e il birrificio di Induno Olona? Si sono presentati insieme alla manifestazione organizzata da Slow Food a Bra:
Ferrari con tre eccellenti prodotti – Parmigiano Reggiano Prodotto di Montagna, Grana Padano Riserva ed Emmentaler Switzerland Aoc; Poretti con Angelo pale ale, scelta per accompagnare i visitatori di Cheese alla scoperta di sorprendenti abbinamenti di formaggi e birra in compagnia di bravi beer expert. Stefano è stato capace di regalare un’esperienza molto importante per gli estimatori di formaggi e di birra, in particolare con le degustazioni verticali con le due novità che Ferrari ha presentato a Bra: il Parmigiano Reggiano Prodotto di Montagna e il Grana Padano Riserva Giovanni Ferrari.

Le altre novità della partnership Ferrari-Poretti sono le nuove confezioni degustazione: una che racchiude uno spicchio di Parmigiano Reggiano Prodotto di Montagna dalla stagionatura di 24 mesi e uno spicchio di Parmigiano Reggiano Prodotto di Montagna stagionato 30 mesi, insieme a una pregiata bottiglia di Angelo Pale Ale del Birrificio Angelo Poretti; l’altra valigetta contiene uno spicchio di Grana Padano stagionatura 20 mesi e uno spicchio di Grana Padano Riserva, stagionato per oltre 20 mesi, sempre con la bottiglia “Angelo Pale Ale” del Birrificio Angelo Poretti, inclusa nella confezione.

Un incontro ad alto livello, insomma. Perché la Ferrari Giovanni spa, che ha sede a Ossago Lodigiano, crede nel rispetto della tradizione e nella passione per l’innovazione, ormai le chiavi del successo di un’azienda che sceglie e lavora il meglio dei formaggi italiani ed europei per offrire prodotti gustosi e lavorati nei modi più adatti ad un utilizzo moderno, quotidiano e sicuro, sottolineano con orgoglio Laura e Silvia Ferrari.

La loro azienda è presente sul mercato italiano con le referenze Grana Padano, Parmigiano Reggiano, Emmentaler Svizzero e GranMix, un esclusivo blend di grattugiati di qualità, con il quale Ferrari ha lanciato l’innovativa formula del formaggio grattugiato fresco e ready to serve.

Alla base della qualità dei prodotti dell’azienda lodigiano-parmense c’è sicuramente una profonda conoscenza dei formaggi e la cura nel selezionare le forme al giusto punto di stagionatura. Le attività di selezione, affinamento, porzionatura, grattugia e confezionamento avvengono nelle due unità produttive situate ad Ossago Lodigano e Fontevivo, in provincia di Parma.

Poi c’è il caseificio d’eccellenza di Bedonia, sempre nel parmense, identificato dal Consorzio del Parmigiano Reggiano con il casello 2100, dove la famiglia Ferrari produce il Parmigiano Reggiano Prodotto di Montagna. E’ un caseificio attivo nel territorio dell’Alta Val Taro, dove raccoglie e trasforma 70.000 quintali di latte all’anno. Si tratta di un latte raccolto esclusivamente nei 5 comuni dell’Alta Val Taro, situati ad un’altezza di 700 metri sopra il livello del mare, con un vantaggio esclusivo in termini di qualità di prodotto, visto che le mucche allevate in un ambiente montano, oasi di biodiversità con la presenza di più di duemila  specie di erbe e fiori diversi, e alimentate con le erbe che si trovano solo ad elevante alture, producono latte dal gusto ricco di note di erbe e fiori montani.

E, aspetto da sottolineare, contribuisce a salvare la montagna dello spopolamento.
Percorrendo la storia della Ferrari, si scopre che questa azienda è stata la prima, negli anni Sessanta, ad offrire sul mercato italiano formaggi preparati già in porzioni e confezionati. Negli anni Ottanta ha invece aperto il nuovo segmento dei formaggi grattugiati e confezionati freschi, con il lancio del marchio GranMix. Un successo importante e riconosciuto, che a distanza di tempo continua a mantenere la sua forza.

Parmigiano Reggiano, Grana Padano e Emmentaler Svizzero sono il fiore all’occhiello dell’azienda. Al Cheese Award 2016 di Nantwich, la più importante manifestazione internazionale dedicata al mondo dei formaggi, una giuria di esperti ha assegnato la medaglia d’oro al Grana Padano Riserva Ferrari nella categoria Hard Italian Cheese, migliore formaggio duro italiano. Nella stesso concorso Ferrari ha vinto anche due medaglie d’argento: la prima nella categoria “formaggi da agricoltura biologica prodotti al di fuori del Regno Unito” con il Parmigiano Reggiano prodotto con latte da agricoltura biologica; la seconda nella categoria “prodotti ad elevato contenuto di servizio” con Gran Sfoglia Ferrari.

Una nota a parte merita l’Emmentaler Svizzero perché la scorsa primavera due di questi formaggi firmati Ferrari sono stati premiati. Uno ha ricevuto la medaglia d’oro e l’altro quella d’argento, dal Consorzio di Tutela Emmentaler Switzerland. Nell’aprile del 2016 l’Emmentaler Svizzero Ferrari ha poi conquistato il podio all’ultima Assemblea dei Delegati del Consorzio Emmentaler Switzerland, occupando i primi tre posti sui dieci migliori caseifici produttori del formaggio. Grazie al lavoro ineccepibile e all’esperienza qualitativa e produttiva dell’azienda di Ossago Lodigiano, il migliore Emmentaler Svizzero, è italiano.

Con questo medagliere, è normale che Ferrari collabori con Slow Food, condividendone i principi. Come tutela della tipicità, della biodiversità, delle tecniche di produzione tradizionali e della territorialità, punti fermi sui quali entrambe le realtà lavorano reciprocamente, per mantenere alto il valore di queste eccellenze italiane. Anche perché Ferrari, oltre che in Italia, è presente anche all’estero, in paesi come Francia, Germania, Regno Unito, Belgio e Stati Uniti.

E le sorelle Ferrari sono anche molto attente a fiutare le “voglie” dei consumatori, così hanno deciso di proporre a Cheese 2017 l’incontro tra l’eccellenza casearia italiana e i Maestri del Luppolo con l’obiettivo di offrire nuove esperienze in fatto di abbinamento cibo-birra.

Trovando nella pale ale “Angelo” del Birrificio Angelo Poretti, il prodotto giusto per avviare una più ampia opportunità di abbinamenti. L’esperienza di Bra si è rivelata molto positiva e Serena Savoca, brand manager della Poretti, dopo l’appassionato ritratto che ha fatto di Angelo Poretti, ha confidato di essere sicura che il format formaggio-birra funziona e potrà conquistare sempre più fans. E, quindi, il “matrimonio” Ferrari-Poretti, sarà riproposto anche dopo la presentazione di Bra perché gli abbinamenti di formaggi e birra sono stati veramente sorprendenti.

Stiamo parlando di due eccellenze italiane, Ferrari & Birrificio Angelo Poretti, che hanno un solo obiettivo: la qualità. A confermarlo sono i due formaggi Ferrari scelti per le confezioni degustazione e Angelo Pale Ale, una birra scura dal corpo pieno, caratterizzata da un aroma di liquirizia e sentori erbacei. Sotto la cremosità della sua schiuma si scopre una miscela di profumi che prende vita da un delicato aroma speziato che si accompagna e si miscela piacevolmente alle note floreali del luppolo. Caratteristiche che la rendono ideale per l’abbinamento con i formaggi. E, che formaggi, le novità presentate a Bra da Ferrari.

 

Michele Pizzillo
Inviato Speciale
Newsfood.com

 

======Le eccellenze di Ferrari Giovanni S.p.A. a Cheese 2007=====

Parmigiano Reggiano Prodotto di Montagna
Ferrari produce il Parmigiano Reggiano Prodotto di Montagna in un caseificio d’eccellenza a Bedonia (Parma), identificato come casello 2100. Il caseificio è attivo nel territorio dell’Alta Val Taro ha un volume annuo di produzione pari a 70.000 q di latte all’anno. Il latte viene raccolto esclusivamente nei 5 comuni dell’Alta Val Taro, Albareto, Bedonia, Borgo Val di Taro, Compiano Valmozzola e Tornolo, situati ad un’altezza di 700 metri sopra il livello del mare, con un vantaggio esclusivo in termini di qualità di prodotto. Il Parmigiano Reggiano prodotto dal caseificio Ferrari di Bedonia rientra nella limitata produzione che può fregiarsi del titolo di “Prodotto di Montagna”, come da Regolamento UE, in quanto tutte le fasi della filiera produttiva del formaggio (allevamento delle vacche, raccolta del latte, tutte le fasi della lavorazione del latte prevista dal disciplinare e anche la stagionatura delle forme fino almeno a 12 mesi) sono ubicate in zone di montagna.
Ferrari con il progetto “Parmigiano Reggiano Prodotto di Montagna” valorizza una produzione di nicchia e di alta qualità, preservando l’economia montana della zona, salvaguardando così il territorio e l’attività delle persone che ci lavorano. All’interno del caseificio è presente anche una linea di lavorazione per la produzione di Parmigiano Reggiano di agricoltura biologica, vincitore, nel Cheese Awards di Nantwich (la più importante manifestazione internazionale dedicata al mondo dei formaggi) del 2016, della medaglia d’argento nella categoria “formaggi da agricoltura biologica prodotti al di fuori del Regno Unito”.

Grana Padano Riserva Ferrari
Stagionato oltre venti mesi fa Ferrari , questo Grana Padano ha un aroma intenso ricco di note floreali, un perfetto equilibrio tra sapidità e acidità che conferisce un gusto prevalentemente dolce. La prolungata stagionatura produce un formaggio dalla struttura dura e altamente friabile, corposo a tutto tondo. Il Grana Padano Riserva Giovanni Ferrari è risultato il miglior formaggio confezionato tra i Grana Padano e i Parmigiano Reggiano distribuiti in Germania, secondo il test condotto da Stiftung Warentest, rivista di riferimento per i consumatori in Germania.

Emmentaler Switzerland AOC
Prodotto da piccoli caseifici montani, selezionati tra le eccellenze in produzione in base alla valutazione del Consorzio di Tutela Emmentaler: sono stati scelti esclusivamente caseifici con punteggio medio 19.30/20.00, per dare origine a un formaggio che si distingue per qualità. Lo scorso aprile 2017, tre dei caselli Ferrari hanno ricevuto il punteggio massimo e la medaglia d’oro, mentre un casello è stato premiato con la medaglia d’argento, tutti e 4 posizionandosi con successo nella top ten delle eccellenze. Un alto riconoscimento, che conferma e continua i successi del 2016, dove Ferrari ha conquistato il podio all’ Assemblea dei Delegati del Consorzio Emmentaler Switzerland, occupando i primi tre posti sui dieci migliori caseifici produttori del formaggio. Grazie al lavoro ineccepibile e all’esperienza qualitativa e produttiva Ferrari, il migliore Emmentaler Svizzero, insomma, è italiano.

 

 

Redazione Newsfood.com

Leggi Anche
Scrivi un commento