Formaggio, UE contro Italia: “Si a quello senza latte”

Formaggio, UE contro Italia: “Si a quello senza latte”

Permettere di produrre in Italia il formaggio senza latte. A chiederlo è l’Unione Europea, tramite una diffida della Commissione, che definisce “Troppo rigide” le leggi nazionali in materia,

Secondo gli esperti comunitari, la normativa italiana vieta l’uso di surrogati e contravviene al principio di libera circolazione delle merci: nel resto dell’Unione, infatti, i latticini senza latte sono di uso comune.

Unanime la protesta dell’agroalimentare nostrano, preoccupato per quello che viene visto come un adeguamento al ribasso, ulteriore colpo per l’industria casearia, già in sofferenza. Portavoce del malessere è Roberto Moncalvo, presidente di Coldiretti. Il numero uno dell’associazione è chiaro: la sua è una critica ad un’Europa divisa di fronte ad “Emergenze storiche come l’emigrazione” ma “Pronta ad assecondare le lobby che vogliono costringerci ad abbassare gli standard qualitativi dei nostri prodotti alimentari difesi da generazioni di produttori”.

Contro il “formaggio senza latte”, Moncalvo propone la difesa delle aspettative dei consumatori, “Per quanto concerne l’autenticità e la qualità delle materie prime adoperate”.

A supporto della sua tesi, il buon risultato del Made in Italy lattiero-caseario, “che riscuote un apprezzamento crescente in tutto il mondo dove le esportazioni di formaggi e latticini sono aumentate del 9,3% nel primo trimestre del 2015″.

Matteo Clerici

Leggi Anche
Scrivi un commento