Si svolgerà dal 4 al 10 giugno una missione istituzionale della Regione Lombardia in Russia. Sarà guidata dal presidente Roberto Formigoni, toccherà Mosca, Novosibirsk e
San Pietroburgo e – solo per la sanità – Nizhny Novgorod – e sarà incentrata, oltre che sulle relazioni politico-istituzionali, sullo sviluppo delle opportunità per le
imprese, il turismo, la sanità, il cinema e la cultura, le università e la ricerca.
Il presidente Formigoni ha in programma incontri con le massime autorità del Governo centrale russo (colloqui con i ministri degli Esteri, delle Finanze, della Sanità, della
Cultura), con i governatori delle Regioni di Mosca, Leningrado, Novosibirsk, con il sindaco di San Pietroburgo.
Lo stesso Formigoni interverrà con una ampia relazione, il 9 giugno, al prestigioso Forum Economico Internazionale di San Pietroburgo, su richiesta del Ministero dello Sviluppo Economico
e del Commercio della Federazione, nella giornata dedicata alle “Politiche economiche regionali e sviluppo del potenziale delle Regioni russe”.

Esplicito l’interesse della Federazione russa ad approfondire la conoscenza e il confronto con le strategie lombarde per la competitività.
“La missione – ha spiegato Formigoni – nasce accogliendo l’interesse forte che associazioni imprenditoriali, sistema camerale, ma anche università e soggetti culturali hanno più
volte esplicitato, all’interno delle loro strategie di promozione all’estero, nei confronti della Federazione Russa”.
Proprio per questo fanno parte della delegazione lombarda gli assessori e i sottosegretari competenti per tali materie: Luciano Bresciani (Sanità), Pier Gianni Prosperini (Giovani, Sport
e Turismo), Massimo Zanello (Culture, Identità e Autonomie), Adriano De Maio (Alta Formazione e Ricerca) e Robi Ronza (Relazioni Internazionali).

Ma protagonisti della missione sono anche:
– istituzioni ed organismi associativi nazionali e regionali (tra cui Assolombarda, Unioncamere Lombardia, Apilombarda, Camera di Commercio di Varese, Simest, Sace, Fiera Milano, Agenzia per la
Russia),
– istituti di credito (Intesa San Paolo, Ubi Banca)
– imprese dei settori: medicale, biotech, aziende e consorzi del tessile-abbigliamento, cosmesi, consulenza, alimentare, argenteria, operatori turistici,
– università ed istituti di ricerca (Bocconi, Cattolica, Politecnico, Università degli Studi di Milano, Libera Università Cattaneo di Castellanza, Landau Network-Centro
Volta, Centro Diagnostico Italiano),
– Azienda Ospedaliera Valtellina e Valchiavenna,
– Cineteca Italiana.

UN LAVORO IN CONTINUITA’

L’evoluzione delle attività realizzate da Regione Lombardia, le opportunità offerte dalla crescita sostenuta dell’economia russa e il positivo andamento dell’interscambio
bilaterale (le esportazioni lombarde verso la Federazione Russa sono cresciute sensibilmente nell’ultimo biennio: 29,5% nel 2006 e 26,28% nel 2005 e rappresentano il 27% dell’export italiano
verso la Federazione) sono alla base della decisione di realizzare questa missione, con la quale Regione Lombardia intende consolidare i rapporti di collaborazione con la Federazione e in
particolare con le Regioni di Mosca, di Leningrado, di Novosibirsk e di Nizhny Novgorod.
Nella scorsa legislatura (2000-2005) Regione Lombardia aveva concluso 6 Protocolli di Intesa (Leningrado, San Pietroburgo, Mordovia, Mosca, Nizhny Novgorod, Novosibirsk), realizzato 7 missioni
istituzionali ed economiche in territorio russo, attivato due Punti Operativi a supporto delle imprese lombarde a Mosca e San Pietroburgo, organizzato numerosi incontri con delegazioni delle
principali Regioni russe in visita alla Regione Lombardia.

E solo nel 2005 sono stati stanziati 440.000 euro per progetti di promozione delle piccole e medie imprese lombarde verso il mercato russo e per la partecipazione a manifestazioni fieristiche
internazionali e per l’apertura nello stesso anno di una showroom del settore legno-arredo a Mosca da parte di un consorzio di imprese lombarde.
“Va aggiunto – ha detto Formigoni – che per la candidatura di Milano all’Expo 2015 la Russia ha già dato il proprio assenso.Il tema ‘Nutrire il pianeta, energia per la vita’ ha forti
connessioni con quello delle biotecnologie e dell’agro-alimentare, due tra i settori che presentano buone potenzialità per le collaborazioni tra la Lombardia e la Russia”.

I principali ambiti della missione riguardano:

SANITA’
Il programma nasce – ha spiegato l’assessore Bresciani, che lo realizzerà personalmente – “dall’interesse dimostrato dalle istituzioni sanitarie russe che hanno visitato la Lombardia
negli ultimi anni in particolare per i temi della formazione manageriale, dell’organizzazione del sistema sanitario regionale e dell’emergenza-urgenza, della riabilitazione e delle cure
termali. Inoltre aprirà nuove opportunità di presenza e di espansione delle imprese lombarde del settore sanitario/medicale nella Federazione Russa”.
“Il gemellaggio tra l’Azienda Ospedaliera Valtellina e Valchiavenna e l’Ospedale Semashko – ha aggiunto Bresciani – consentirà l’avvio di un Piano Regionale Sangue e Plasma per la
Regione di Nizhny Novgorod”.

TURISMO
E’ costante la crescita dei flussi turistici di cittadini russi verso l’Italia e la Lombardia, quarta tra le Regioni italiane per il turismo in ingresso proveniente dalla Federazione. La
domanda turistica russa è sostenuta dall’aumento del potere di spesa dei cittadini russi interessati alle città d’arte (anche a quelle “minori”), al turismo invernale e alle
località termali. Il programma turismo si concentrerà nella capitale, dove sono in programma una presentazione del sistema turistico lombardo, un workshop tra gli 11 operatori
turistici lombardi e le controparti russe e incontri con le autorità di promozione turistica russa per l’approfondimento delle modalità di attrazione del turista russo in
Lombardia.

ECONOMIA
Della delegazione fanno parte associazioni imprenditoriali ed imprese. Gli incontri tra le istituzioni economiche lombarde e le imprese lombarde (appartenenti ai settori abbigliamento,
medicale, biotech, cosmesi, consulenza, alimentare, argentiero) e la comunità economico-finanziaria di Mosca e di Novosibirsk si propongono di sviluppare le opportunità di
business offerte dalla Lombardia e dalla Russia, le prospettive di crescita economico-produttiva, le possibilità di collaborazione in tema di trasferimento tecnologico, apertura di nuovi
mercati, co-investimento, opportunità offerte da fusioni, acquisizioni e joint ventures.
A Novosibirsk in particolare Regione Lombardia presenterà i comparti moda/accessori e cosmesi e verrà sottoscritto un accordo per cui Elite Night di Novosibirsk diventerà
il distributore di prodotti delle imprese lombarde nel settore abbigliamento e accessori.

CULTURA E CINEMA
A Mosca ci saranno tre importanti momenti dedicati al cinema e all’arte contemporanea: la realizzazione, a cura di Cineteca Italiana e Fondazione Mazzotta, di un festival del cinema italiano
con una rassegna di film girati in Lombardia e opere di registi lombardi; una mostra fotografica di accompagnamento alla rassegna cinematografica, con catalogo di Tazio Secchiaroli, di Sofia
Loren e Marcello Mastroianni; l’inaugurazione della mostra d’arte contemporanea dell’artista di origine milanese Mimmo Iacopino.

ALTA FORMAZIONE E RICERCA
La missione ha recepito l’interesse delle maggiori università e centri di ricerca lombardi di un allargamento della rete di collaborazioni che tali istituti negli ultimi anni hanno
sviluppato in misura consistente con i partner russi, in particolare a Mosca e a San Pietroburgo.
La missione prevede la sottoscrizione di quattro accordi di collaborazione da parte di Politecnico di Milano e Università Cattolica con controparti russe nei campi dell’ingegneria
gestionale, della responsabilità sociale dell’impresa, dell’architettura e delle analisi di mercato.