Frutta: Crollano i prezzi riconosciuti al produttore in campagna

Frutta: Crollano i prezzi riconosciuti al produttore in campagna

I prezzi della frutta estiva sono crollati alla produzione con cali che vanno dal 47 per cento dei cocomeri al 22 per
cento per le pesche nella terza settimana di luglio rispetto allo scorso anno. E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti in occasione della diffusione dei dati Istat sull’inflazione a
luglio che evidenziano però al consumo un incredibile ulteriore aumento del prezzo medio della frutta dell’1,6 per cento su base annua.

Mentre i prezzi della frutta riconosciuti al produttore in campagna crollano – denuncia la Coldiretti – per i consumatori sugli scaffali del supermercato aumentano. Si tratta del risultato –
precisa la Coldiretti – delle distorsioni e delle speculazioni che si verificano nel passaggio della frutta dal campo alla tavola. A causa delle inefficienze e delle eccessive intermediazioni
nel passaggio della frutta dall’azienda agricola al carrello della spesa – sottolinea la Coldiretti – i prezzi almeno triplicano, ma possono aumentare anche di 5 o 6 volte.

Quest’estate si è allargata senza giustificazioni – sottolinea la Coldiretti – la forbice dei prezzi della frutta fresca tra produzione e consumo. Una situazione che danneggia gli
agricoltori costretti a lavorare in perdita ma – precisa la Coldiretti – anche i consumatori che potrebbero acquistare maggiori quantità e a condizioni piu’ vantaggiose. Gli esempi non
mancano secondo le elaborazioni Coldiretti su dati del servizio Sms consumatori del Ministero delle Politiche Agricole.

Le pesche gialle – conclude la Coldiretti – vengono pagate agli agricoltori 35 centesimi al chilo, ma ai consumatori costano in media 1,9 euro al chilo con un ricarico del 413 per cento (piu’
di cinque volte), i cocomeri passano da 0,12 euro al chilo in campo a 0,6 euro al chilo sulla tavola con un aumento del 400 per cento (cinque volte ) e i meloni da 0,39 euro al chilo a 1,3 euro
con un ricarico del 233 per cento (triplicano).

Una situazione insostenibile nei confronti della quale si sono mobilitati gli agricoltori della Coldiretti dall’Emilia Romagna al Piemonte, dalla Puglia al Metapontino in Basilicata con
campagne di informazione ai consumatori e distribuzione dei prodotti dell’estate, ma anche con le “ronde gialle” all’interno dei supermercati della grande distribuzione.

A determinare la crisi hanno concorso numerosi fattori di carattere congiunturale, ma soprattutto strutturale. A pesare è stato senza dubbio l’andamento meteorologico che ha provocato la
maturazione contemporanea di produzioni diverse, ma non va dimenticata l’emergenza Escherichia Coli, il “batterio killer”, e la conseguente psicosi che hanno portato a un contenimento dei
consumi. Ma sotto accusa ci sono soprattutto l’inadeguatezza delle normative comunitarie per la prevenzione e la gestione delle crisi di mercato e la distribuzione commerciale.

Al di la dei fattori congiunturali, “occorre intervenire sulle strozzature e distorsioni che si verificano nel passaggio dell’ortofrutta dal campo alla tavola che sottopagano il nostro prodotto
su valori insostenibili al di sotto dei costi di produzione e rendono troppo onerosi gli acquisti per i consumatori che spesso sono costretti a rinunciare ad alimenti indispensabili per la
salute gli acquisti”, ha affermato il presidente della Coldiretti Sergio Marini nel sottolineare che “ci vuole una assunzione di responsabilità dell’intera filiera che segue il prodotto
da quando esce dall’azienda fino a quando arriva sul banco dei supermercati” perché nella forbice dei prezzi dal campo alla tavola c’è sufficiente spazio per garantire reddito ai
produttori e consentire acquisti al giusto prezzo per i consumatori.

www.coldiretti.it

Redazione Newsfood.com+WebTv

Leggi Anche
Scrivi un commento