Germania: bocciata la legge sulle «perquisizioni online»

.

Per la suprema Corte tedesca l'ha dichiarata incostituzionale. Fu introdotta nel 2007 in Nord Reno-Vestfalia

post 1204070400 border 1505952000

La Corte costituzionale ha bocciato la legge regionale sulle «perquisizioni online». La norma, introdotta nel 2007 in Nord Reno-Vestfalia, consentiva alla polizia di introdursi via
internet nei computer di sospetti terroristi. Con la decisione di oggi, la Corte ha stabilito, per la prima volta in Germania, l’esistenza del diritto fondamentale alla riservatezza e
all’integrità dei sistemi informatici.

Nella sentenza si lascia aperta la porta alle perquisizioni online solo nel caso in cui ad essere concretamente minacciati sono «beni giuridici importanti e superiori», come la vita
umana o la stabilità dello Stato. La bocciatura di questa legge regionale avrà sicuramente delle ricadute nazionali. Il ministro dell’Interno, infatti, aveva proposto più
volte di estendere a tutto il territorio tedesco le perquisizioni online, scatenando diverse proteste nel paese.

Tagged
Categorie

Nessun commento

Nessun commento!

Non ci sono ancora commenti, ma puoi essere il primo a commentare questo articolo.

Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Germania: bocciata la legge sulle «perquisizioni online»

Servizio di Leonardo Zellino.

Per la suprema Corte tedesca l'ha dichiarata incostituzionale. Fu introdotta nel 2007 in Nord Reno-Vestfalia

post 1204070400 border 1505952000

Tagged
Categorie

Nessun commento

Nessun commento!

Non ci sono ancora commenti, ma puoi essere il primo a commentare questo articolo.

Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *