Giovanni Rossi: Un secolo di vigilanza sugli alimenti, dai Vigili Sanitari ai Tecnici della Prevenzione di oggi

Giovanni Rossi: Un secolo di vigilanza sugli alimenti, dai Vigili Sanitari ai Tecnici della Prevenzione di oggi

Intervista a Giovanni Rossi autore del libro “Un secolo di vigilanza sugli alimenti” edito da Boopen Editore.

Lo incontriamo  a Parma e dopo una chiacchierata formale vogliamo saperne di più sulla sua pubblicazione.

Giovanni Rossi, (chissà quanti in Italia si chiamano in questo modo?) anzitutto, chi sei e cosa fai ?
Giovanni Rossi:
Sono un Tecnico della Prevenzione e lavoro presso il Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione presso l’Azienda Asl di Parma, mi occupo del controllo ufficiale degli alimenti e delle
bevande, e di micologia, sono inoltre responsabile del sistema qualità del proprio servizio.

Chi è il Tecnico della Prevenzione e quali sono i suoi compiti oggi?
Giovanni Rossi:
Il Tecnico della Prevenzione è l’operatore sanitario in possesso di laurea specifica responsabile di tutte le attività di prevenzione, verifica, controllo in materia d’igiene e
sicurezza ambientale nei luoghi di vita e di lavoro, d’igiene degli alimenti e delle bevande, d’igiene di sanità pubblica e veterinaria; quest’operatore lavora presso i servizi ispettivi
delle ASL e delle Agenzie ARPA nazionali, per i suoi delicati compiti riveste la qualifica d’ufficiale di polizia giudiziaria.
Nei Dipartimenti di Prevenzione delle ASL operano più di 12.000 di questi operatori.
Questa professione però trae radici molto antiche dalla figura del vigile sanitario comunale e provinciale, figura nata nel 1890 a seguito di un apposito Regio Decreto preposto ad aiutare
l’ufficiale sanitario nelle ispezioni igienico-sanitarie.

Quali sono le motivazioni che ti hanno portato a scrivere questo libro ?
Giovanni Rossi:
Le ragioni sono tante, ma principalmente mi sono sempre chiesto perché ancora oggi questa professione sia ancora poco conosciuta, malgrado questa svolga quotidianamente ispezioni nei vari
settori e indagini per conto dell’Autorità Giudiziaria. Per dare risposta a quest’interrogativo ho iniziato a raccogliere informazioni sulla storia di questa figura, riscontrando che ne
esistevano poche o quasi nessuna .
Ho iniziato, quindi la mia ricerca e grazie al rinvenimento fortuito di documenti inediti dei primi del Novecento, sono riuscito a ricostruire la sua storia, cercando di comprendere le ragioni
del perché questa figura sia ancora sconosciuta.
I Vigili Sanitari dal 1890 fino agli anni ’70 del secolo scorso hanno rappresentato l’asse portante della macchina dei controlli sanitari nel nostro Paese, essi dipendevano dai Medici e dai
Veterinari Comunali e Provinciali prima dal Ministero degli Interni e poi della Salute.
Molti i loro compiti: dal controllo degli alimenti, del suolo e dell’abitato, alla lotta contro le frodi e nel fronteggiare e prevenire le epidemie e le malattie infettive. Nel corso degli anni
le competenze si sono sempre più arricchite, occupandosi anche del settore del controllo degli ambienti di vita e di lavoro, nonché dell’ambiente come abbiamo appunto visto.
E’ bene ricordare che per i suoi delicati compiti e per le numerose operazioni di servizio a tutela della salute pubblica, nel 1966 la categoria fu insignita dal presidente della Repubblica On.le
Giuseppe Saragat della medaglia d’oro al merito della Sanità Pubblica.
Nel corso di più di un secolo la figura del vigile sanitario si è evoluta sino ad acquisire la dignità di una professione. La trasformazione del ruolo si è poi resa
concreta sul piano formativo con l’istituzione di un proprio corso di laurea.

Nel tuo libro si parla anche di politica e di frodi alimentari?
Giovanni Rossi:
Si, le frodi alimentari sono una piaga della società, il crimine più odioso, un fenomeno che ha avuto un forte incremento in particolari periodi storici del nostro paese come nel
primo dopoguerra, oggi purtroppo questo crimine è in  incremento a causa del commercio globale e dell’agropirateria.
L’inizio di questa battaglia contro le frodi alimentari ha visto come principale attore i Vigili Sanitari.
I politici negli anni più bui della Repubblica hanno però ostacolato la lotta alle frodi alimentari, pensiamo alla prima riforma sanitaria nel 1978, che vide l’istituzione delle USL
le quali dovevano assicurare un’effettiva capacità d’intervento a 360° gradi su tematiche che influiscono sulla salute dei cittadini come: l’alimentazione, l’ambiente e la sicurezza
negli ambienti di vita e di lavoro.
La conseguenza fu lo smantellamento del corpo dei Vigili Sanitari e il loro trasferimento nelle USL, questi continueranno a svolgere i propri compiti, ma la disorganizzazione dei nuovi servizi e
le poche risorse impiegate, porterà al crollo verticale dell’attività ispettiva, inoltre gli uomini politici occuperanno, tutti i vertici di potere delle USL, che diventeranno ben
presto il crogiolo del malaffare, della lottizzazione, dell’inefficienza, degli sprechi, impedendo la piena realizzazione di quel servizio di prevenzione e sanitario che il legislatore
auspicava.

Quali sono gli obiettivi che ti prefiggi e quali i tuoi progetti per il futuro ?
Giovanni Rossi:
Spero che questo mio lavoro serva a far conoscere all’opinione pubblica questa professione: nomi, volti, medaglie al merito e morti nell’adempimento del proprio lavoro, pagine spesso dimenticate
dalle istituzioni, e purtroppo anche da gran parte della mia stessa categoria che ancora oggi non comprende a pieno il valore della sua storia.

VIDEO BOOK TRAILER (YOUTUBE)

http://www.youtube.com/watch?v=H76LWwXO3ss

Libro: Colore
Formato: 21 x 29,7 (A4)
Copertina: Morbida
Pagine: 140
Editore: Boopen
ISBN: 978-88-6581-163-4
Prezzo: € 35,00

Per il suo acquisto on line c/o Casa Editrice Boopen: www.boopen.it

Biografia: Chi è il Dr Giovanni Rossi
Nato nel 1965, perito chimico e micologo, è laureato in Tecniche della Prevenzione nell’Ambiente e nei Luoghi di Lavoro. Presta servizio presso il S.I.A.N. dell’Azienda Usl di Parma ove
ricopre gli incarichi di Coordinatore Tecnico Aziendale dei Tecnici della Prevenzione e di Responsabile Assicurazione Qualità. E’ autore di diverse pubblicazioni scientifiche e svolge
attività di docenza. Dal 1996 al 2006 ha ricoperto vari incarichi presso l’associazione di categoria (U.N.P.I.S.I.), tra cui quelli di vice presidente e referente nazionale degli Ispettori
Micologi. Gestisce il sito personale: www.ispettorimicologi.it

Giuseppe Danielli
Newsfood.com

Related Posts
Leave a reply