Gli alimenti-farmaco: un approccio pericoloso

Gli alimenti-farmaco: un approccio pericoloso

La nutraceutica parte da un presupposto corretto, eppure può essere molto sviante e perfino pericoloso per la salute stessa.

I giornali sono pieni di articoli che decantano le proprietà salutari di questo e quell’alimento. Le librerie piene di libri che decantano i superfoods, i cibi anticancro e i cibi della bellezza e della salute. I mirtilli sono antiossidanti, i cavoli sono antitumorali, l’insalata protegge il feto dalle malformazioni, il cioccolato abbassa la pressione, la cannella protegge dal diabete e via dicendo.
La nutraceutica, parola nata dalla fusione di «nutrizione» e «farmaceutica» si riferisce allo studio di alimenti che hanno una funzione benefica sulla salute umana. Gli alimenti nutraceutici vengono comunemente anche definiti alimenti funzionali, pharmafoods o farmalimenti. Un nutraceutico è un alimento-farmaco, ovvero un alimento salutare, con le proprietà curative dei princìpi attivi naturali di comprovata e riconosciuta efficacia.
Questo approccio parte da un presupposto corretto − cioè che l’alimentazione costituisce la base della nostra salute − eppure può essere molto sviante e perfino pericoloso per la salute stessa.
Scopriamo perché.
Molte persone finiscono per considerare i cibi come delle medicine, li scelgono per questa o quella proprietà precisa, spesso preferendoli crudi nella convinzione che la cottura ne rovini le caratteristiche. Ma così diventano persone perennemente «a dieta», che rinunciano alla buona cucina perché il fornello denaturerebbe gli alimenti.
Altri, al contrario, facendo affidamento esclusivamente sulle proprietà salutistiche dei singoli alimenti finiscono per farsi del male. Se la zucca fa bene alla vista, preparano un bel risotto alla zucca senza darsi tanti pensieri circa le quantità di riso, di burro e di sale che mettono in pentola. Se il cioccolato fa bene al cuore, lo usano per fare un gustosissimo dolce senza conteggiare zuccheri e calorie per porzione.
Quindi, con la scusa di mangiare un alimento-farmaco, ingeriscono troppe calorie, troppi grassi, troppi zuccheri e troppo sale. Ma con la coscienza a posto. Ignari del fatto che il vantaggio dell’alimento funzionale è cento volte minore dello svantaggio di assumere macro- nutrienti in eccesso

========================================

“Cibo&Salute” è una rubrica di Newsfood.com
a cura della D.ssa Chiara Manzi

Partecipa al Master in Culinary Nutrition!

La dott.ssa Chiara Manzi, direttore scientifico del progetto Cucina Evolution e fondatrice di Art Joins Nutrition Academy

La dott.ssa Chiara Manzi è direttore scientifico del progetto Cucina Evolution e fondatrice di Art Joins Nutrition Academy – Da agosto 2015 cura la rubrica Cibo&Salute su Newsfood.com

CHI E’ CHIARA MANZI
La D.ssa Chiara Manzi è una dietista che ama la buona cucina e odia le diete.
Il suo sogno è trasformare i piatti più golosi della cucina italiana in elisir di lunga vita: il benessere anti-aging … (segue)

 

 

 

 

 

 

    Contatti: Redazione Newsfood.com

 

Leggi Anche
Scrivi un commento