Gli attacchi di fame: come contrastarli

Gli attacchi di fame: come contrastarli

Vedi altri articoli: Buon Cibo = Buona Salute – clicca qui

Buon cibo = Buona salute
Rubrica a cura di Bioimis


Gli attacchi di fame improvvisa sono l’incubo di ogni dieta. Arrivano a metà mattina, dopo pranzo, nel pomeriggio o addirittura ti svegliano la notte.

Sono loro i nemici numero uno di chi vuole dimagrire.

Ti è mai capitato di girare per la cucina alla ricerca di qualcosa da sgranocchiare? Anche se sembra non esserci alcun motivo apparente, in realtà lo stimolo della fame è sempre dettato da qualcosa.

Secondo gli studi sulle carenze nutrizionali, le cosiddette “voglie” sarebbero scatenate dal grado di dipendenza di un determinato alimento, ma è anche probabile che gli attacchi voraci siano dettati dal bisogno di nutrienti essenziali che, sbagliando, cerchiamo in cibi a noi particolarmente graditi.

Inoltre, la dieta influenza il nostro umore; a dirlo sono i numerosi studi che indagano sulla relazione tra cibo e stati d’animo. La fame nervosa è spesso favorita da una carenza di serotonina, l’ormone del buonumore.
Inoltre, lo stress accumulato durante la giornata ci può portare a cercare consolazione nel cibo.

Lo sgarro può essere concesso qualche volta, ma deve sempre essere inserito all’interno di uno stile di vita sano. Bisognerebbe limitare, però, la tentazione di mangiare snack e merendine ricche di grassi saturi, preferendo invece cibi più sani come della frutta secca, frutta fresca oppure uno yogurt.

Le strategie per controllare gli attacchi di fame e, quindi, anche il peso:

Non digiunare: rispettare le fasce orarie e limitarsi a mangiare tre volte al giorno, assicurando al nostro organismo tutti gli elementi di cui ha bisogno è importantissimo. Anche la colazione è fondamentale perché fornisce l’energia necessaria per affrontare la giornata e aiuta a regolare senso di fame fin dalle prime ore del mattino.
Una dieta povera di zuccheri semplici aiuta a tenere a bada i morsi della fame: la glicemia viene mantenuta costante mangiando alimenti ricchi in fibre e acidi grassi, l’assorbimento degli zuccheri è rallentato e, dunque, anche la produzione di insulina.
Il limone e la frutta secca sono ottimi smorza-fame: aiutano a sedare gli attacchi voraci e, contemporaneamente, stimolano il dimagrimento.
Uscire dalla cucina e fare una passeggiata aiuta a mantenersi in forma e distrarre la mente.
Non fare la spesa a stomaco vuoto: per evitare che i prodotti ben esposti del supermercato stuzzichino ulteriormente il senso di fame, è meglio fare la spesa dopo i pasti e con una lista già pronta di ciò che ci serve.

Si può dimagrire mangiando?

Sì, se si sceglie il metodo dimagrante giusto e gli si abbina uno stile di vita sano e attivo.
Con Bioimis si perde peso in modo naturale, senza bisogno di pesare gli alimenti.

 

Articolo a cura di Bioimis

in esclusiva per Newsfood.com
Riproduzione riservata

==========================================

BioimisQuesta rubrica –Buon cibo = Buona salute–  di proprietà di Newsfood.com è curata in esclusiva da esperti nutrizionisti BIOIMIS, e ha l’intento di dare le nozioni necessarie per far conoscere le qualità intrinseche dei cibi e i loro effetti. Propone anche ricette salutari e consigli, affinchè ognuno di noi, in modo consapevole, possa decidere della sua vita e di quella dei suoi cari.
Dipendentemente dai tempi e dallo spazio, la redazione di Newsfood.com, in collaborazione con gli esperti nutrizionisti, cercherà di dare risposte ai quesiti di chi vorrà approfondire gli argomenti trattati.


Per contatti e info Clicca qui

*Bioimis = origini della Vita
Redazione Newsfood.com

 

 

 

Related Posts
Leave a reply