Gli europarlamentari hanno rilevato la necessità di aumentare la partecipazione degli scienziati africani ai progetti di collaborazione internazionali nel settore della scienza e della
ricerca e sviluppo (R&S), al fine di mantenere e di sviluppare in Africa le conoscenze in tale settore.

I membri della commissione per le relazioni esterne del Parlamento europeo hanno espresso chiaramente il loro parere approvando una risoluzione comune sull’importanza di sostenere misure volte
a migliorare la cooperazione scientifica internazionale con l’Africa.

Riconoscendo la tendenza sempre più visibile in Africa tra i responsabili politici a dare priorità alla scienza e alla tecnologia (S&T) e all’innovazione per lo sviluppo, la
risoluzione ha invitato a rafforzare la cooperazione tra l’UE e l’Unione africana (UA) in settori specifici, per esempio i comparti dei prodotti alimentari, della salute e dell’energia,
nonché a potenziare le infrastrutture di ricerca esistenti. Tale obiettivo sarà realizzato tramite il Nuovo partenariato per lo sviluppo dell’Africa (NEPAD), il suo piano d’azione
consolidato per la S&T e i programmi dell’Unione africana in materia di S&T.

Riguardo all’AIDS, gli eurodeputati hanno evidenziato la notevole rilevanza accordata alle malattie trascurate nell’ambito del Settimo programma quadro (7°PQ) e hanno chiesto di riservare
particolare attenzione alla ricerca in materia di AIDS nei paesi africani.

L’Assemblea ha inoltre esortato gli Stati membri a promuovere il trasferimento di conoscenze e di tecnologia tra l’UE e l’Africa, congiuntamente a progetti di R&S, nell’ambito di un nuovo
quadro d’azione inteso a conseguire obiettivi immediati e a lungo termine per lo sviluppo sostenibile, e a potenziare di conseguenza le politiche e le risorse.

Infine, il Parlamento europeo ha invitato l’Unione europea e gli Stati membri a garantire maggiore coerenza tra la politica internazionale dell’UE in materia di scienza e tecnologia e le
esigenze di base dei paesi africani, in vista dello sviluppo di un nuovo quadro globale per la scienza e la diplomazia con l’Africa.

La risoluzione, che sarà trasmessa al Consiglio, alla Commissione e alle Nazioni Unite, precede una grande conferenza internazionale intitolata «Scienza con l’Africa» che si
terrà ad Addis Abeba (Etiopia) a marzo. La conferenza intende svolgere un ruolo di rilievo nella promozione e nel consolidamento della collaborazione nella ricerca strategica tra gli
Stati africani e il resto del mondo.

Per ulteriori informazioni consultare:
http://www.sciencewithafrica.com/