Gli italiani scelgono la spesa low cost per combattere la crisi

Gli italiani scelgono la spesa low cost per combattere la crisi

Contro la crisi economica i consumatori italiani si difendono scegliendo il low cost. un tempo solo appannaggio dei trasporti aerei, la cultura del low cost ha invaso diversi settori commerciali,
dall’abbigliamento alle assicurazioni, passando per farmaci e arredamento.

“Si tratta di una spesa conveniente e più economica rispetto ai canali tradizionali, pur mantenendo elevato il livello qualitativo dei prodotti e dei servizi acquistati – spiega il
Presidente Codacons, Carlo Rienzi – consentendo risparmi fino al 60% in alcuni settori. Ecco perché il 70% dei cittadini nel 2009 ha dirottato diverse volte le proprie scelte verso
questa tipologia di acquisti”.

Ecco, settore per settore, come acquistare “low cost” e quanto si risparmia.

ABBIGLIAMENTO E CALZATURE
Gli outlet, oramai diffusissimi su tutto il territorio, permettono di acquistare tutto l’anno – e quindi anche al di fuori del periodo dei saldi – prodotti di qualità a prezzi
sensibilmente più bassi rispetto a quelli praticati dai negozi abituali. Estremamente convenienti poi i “factory outlet”, cittadelle della moda che stanno sorgendo in tutta Italia e che
consentono una vastissima scelta a prezzi contenuti.
Risparmio medio: tra il 30% e il 50%.

ALIMENTARI
Il risparmio maggiore si registra negli hard discount, dove è possibile trovare prodotti di qualità ad un prezzo inferiore del 60% rispetto ai negozi abituali. Molto in voga ed
estremamente conveniente anche la vendita diretta produttore-agricoltore che, tagliando i passaggi di filiera, consente di acquistare frutta, verdura e latte a prezzi ridotti mediamente del 30%
(per info http://www.campagnamica.it/fattoriecantine/). In crescita anche i gruppi di acquisto, ossia famiglie che si uniscono per acquistare grandi
quantità di prodotti alimentari all’ingrosso o presso i mercati generali.
Risparmio medio: tra il 30% e il 60%.

ARREDAMENTO
Numerose le catene che si stanno espandendo in Italia, e che vendono mobili e accessori vari per tutta la casa a prezzi fortemente contenuti, grazie ad una ottimizzazione della rete di vendita
e al montaggio e trasporto dei mobili affidato ai clienti stessi. All’interno degli spazi vendita, inoltre, spesso è possibile trovare anche “L’angolo delle occasioni”, ossia uno spazio
dove si vendono mobili di vario tipo difettati o leggermente danneggiati, a prezzi ulteriormente ribassati.
Risparmio medio tra il 20% e il 50%

BENZINA
Nel settore dei carburanti il low cost è rappresentato dai distributori indipendenti, la cui lista completa è reperibile solo sul sito www.codacons.it, e che praticano listini inferiori fino a 8 centesimi di euro al litro rispetto ai distributori con marchio. Molto convenienti anche le pompe legate
agli ipermercati, la cui presenza, tuttavia, è ancora molto scarsa in Italia.
Risparmio medio: fino a 100 euro all’anno.

BANCHE E ASSICURAZIONI
E’ possibile aprire e gestire un conto corrente bancario direttamente online, così come stipulare polizze di assicurazione con compagnie che operano unicamente attraverso internet. Si
eliminano così le spese di gestione e balzelli vari legati ai servizi.
Risparmio medio: 20%

SANITA’
Nel settore dei farmaci il risparmio maggiore si ottiene acquistando medicinali generici, che hanno lo stesso principio attivo dei farmaci di marca ma costano il 25% in meno, o acquistando
presso i punti vendita della grande distribuzione che hanno allestito parafarmacie.
Risparmio medio: 25%

Leggi Anche
Scrivi un commento