Gli oli extra vergine che incantano la Sirena d’Oro

Gli oli extra vergine che incantano la Sirena d’Oro

Si è svolta ieri mattina a Roma, presso la Camera dei deputati, la conferenza stampa durante la quale sono stati annunciati i vincitori della XV edizione del Sirena d’Oro, concorso nazionale che premia i migliori oli extravergine di oliva Dop, Igp e Bio d’Italia.

La 15° edizione del Premio Sirena d’Oro di Sorrento premia l’Abruzzo e il Lazio come “culle” dei migliori oli extravergine d’oliva Dop o Igp, e la Campania, il Lazio e la Toscana come le “terre” dei migliori oli extravergine d’oliva ottenuti da agricoltura biologica.

“Al Sirena d’Oro, vince l’Italia dell’alta qualità – ha affermato Colomba Mongiello – In un’annata difficile a primeggiare è l’eccellenza delle produzioni italiane a designazione di origine. Sono lo specchio di un tessuto di imprese che con grande sacrificio, in un mercato che non premia in pieno chi produce alta qualità, rappresentano l’orgoglio di questo Paese.   È questa l’Italia che ci piace. Quella che produce e vince sui mercati di tutto il mondo. Dietro queste etichette – ha poi concluso Mongiello – non c’è una semplice bottiglia, ma la storia di aziende serie, oneste e pulite che giocano a carte scoperte in un quadro competitivo difficile, ma entusiasmante”.

La Sirena d’Oro è stata assegnata all’olio Dop Colline Teatine, sottozona Frentano, dell’azienda agricola Tommaso Masciantonio. Secondo posto, e quindi Sirena d’Argento, all’olio Dop Colline Pontine dell’azienda agricola Cosmo di Russo. Chiude il podio, vincendo la Sirena di Bronzo, l’olio Dop Colline Pontine dell’azienda Iannotta Lucia.

Nella categoria degli oli extravergine di oliva ottenuti da agricoltura biologica, invece, il podio nell’ordine ha visto protagonisti l’olio dell’azienda Sole di Cajani (della provincia di Salerno), l’azienda agricola Quattrociocchi Americo (della provincia di Frosinone) e il Frantoio Franci (Grosseto).

Classificato come migliore olio extravergine d’oliva biologico della regione Campania (premio speciale),  l’aziendaagricola San Salvatore, della provincia di Salerno.

La consegna delle Sirene alle aziende vincitrici avverrà il 25 marzo, alle ore 10, nella sala consiliare del Comune di Sorrento, nel corso di un convegno dal titolo “La sicurezza alimentare, tra esigenze legislative e corretta informazione”.

Tra gli appuntamenti in programma nell’ambito del Sirena d’Oro 2017, anche la terza edizione di “Mastro Potino”, concorso che si propone l’obiettivo di valorizzare la figura professionale del potatore del comparto olivicolo, e una serie di incontri tra aziende e buyer.

La 15° edizione è promossa dalla Città di Sorrento, in collaborazione con Coldiretti Campania, Regione Campania, Camera di Commercio di Napoli, Unaprol, FederDop Olio, Aprol Campania, Gal “Terra Protetta”, Lauro International, e associazione di assaggiatori professionali “Oleum”.

Manuela Mancino 
per Newsfood.com

Leggi Anche
Scrivi un commento