Colpa dei cibi spazzatura, migliori sistemi sanitari e alimentazione più sana avvantaggiano gli europei.
Abituati da duecento anni ad essere considerati il popolo più alto del pianeta, gli americani si trovano ora scavalcati dagli europei. Non solo il primato gli è stato strappato
dagli olandesi – più alti di ben 4,7 centimetri i maschi e 5,7 le donne – ma sono anche scivolati al quinto posto, dietro a norvegesi, danesi e tedeschi.
Cosa è successo? La statura ha uno stretto legame con il benessere e con le sane abitudini alimentari, dicono gli autori dello studio pubblicato sulla rivista Annals of Human Biology.
John Komlos, professore di storia economica all’università di Monaco e Benjamin Lauderdale, politico all’università di Princeton, imputano alla enorme diffusione del “cibo
spazzatura” dei fast food il rallentamento della crescita dei cittadini statunitensi. Una moda che sta uniformando la scala sociale: per motivi diversi, sia i milioni di americani al di sotto
della soglia della povertà che i ricchi tendono a diventare più larghi che alti.