GourmArte a Bergamo con i grandi chef

GourmArte a Bergamo con i grandi chef

GourmArte: Tre giorni per scegliere – e gustare ad un prezzo più che abbordabile – alcuni piatti preparati da grandi chef tra stellati e non.

A Bergamo dall’1 al 3 dicembre è in programma GourmArte con la partecipazione degli interpreti del gusto italiano

Oltre agli interpreti del gusto, GourmArte – in programma presso il complesso fieristico di Bergamo – fa conoscere anche i custodi, i maestri e gli esploratori del gusto, attraverso la proposta di una nuova cultura del cibo che aleggerà nei padiglioni allestiti nell’area fieristica.

Tutto questo grazie all’impegno di Promoberg che, dice il presidente dell’Ivan Rodeschini, che proporrà il meglio che la terra possa offrire. Tant’è vero che l’ideatore della kermesse, Elio Ghisalberti, allestisce una vetrina espositiva che è il sogno di tutti gli appassionati di enogastronomia.

Con la presenza di oltre 200 produttori dell’eccellenza enogastronomica italiana – con la possibilità di acquisti mirati e golosissimi per chi vorrà sorprendere i palati di amici e ospiti durante le prossime festività -; e c’è anche un’offerta esperienziale notevole grazie alle degustazioni guidate che ciascun espositore ha pensato e ideato specificatamente per i visitatori di GourmArte.

Ecco perchè il “viaggio” nell’area espositiva sarà un’irrinunciabile tappa per conoscere e scoprire i giacimenti dell’ infinita cultura e della meravigliosa artigianalità enogastronomica nazionale con testimonianze che arriveranno da quasi tutte le regioni italiane.

GourmArte è anche confronto, condivisione e crescita: tra una degustazione e l’altra l’evento offre l’opportunità di conoscere di persona i grandi personaggi della nostra cucina, di intrattenere conversazioni, scambiare idee e punti di vista, ma soprattutto di farsi conoscere all’interno del vasto panorama culinario del Bel Paese.

Un evento, dunque, che dà ai Cultori del Gusto la possibilità di accrescere il proprio business e la propria visibilità intessendo nuove conoscenze commerciali perché GourmArte è una vetrina espositiva tutta italiana senza eguali.

 

IL RISTORANTE E GLI INTERPRETI DEL GUSTO
Programma prima giornata

SABATO 1 DICEMBRE dalle 12 alle 15 e dalle 19 alle 21.30

Ilario Vinciguerra
Ilario Vinciguerra di Gallarate (1 stella Michelin; 2 cappelli L’Espresso; 3 forchette Gambero Rosso): Ristretto di ragù campano in pacchero con crema di Grana Padano;

Stefano Cerveni
Due Colombe, di Corte Franca (1 stella Michelin; 2 cappelli L’Espresso; 2 forchette Gambero Rosso): Fagottelli di pasta fresca Milano-Bagolino;

Gianni Tarabini
La Presef, di Mantello (1 stella Michelin; 1 cappello L’Espresso; 1 forchetta Gambero Rosso): Raviolone alla zucca nostrana, mostarda di mandarino, burro nocciola Fiorida aromatizzato alle erbette;

Vittorio Brignoli 
Da Vittorio, di Porto Palo di Menfi (riconosciuto da riviste internazionali esempio di cucina italiana d’eccellenza). Fusilloni, uova di San Pietro con gamberetti di Sciacca e polpettine di orata;

Stefano Masanti
Cantinone, di Madesimo (1 stella Michelin; 2 cappelli L’Espresso; 2 forchette Gambero Rosso): Maialino nero di Samolaco confit con melonz di patate viola, mortadella di fegato alle mele e cotechino con pult di segale;

Le pizze di Mattia Cantini
Il Ciclone, di Sirmione (inserita tra le migliori pizzerie d’Italia sia da L’Espresso che dal Gambero Rosso): Pizza con impasto mais e semi di girasole; saor di cipolle di Montoro, zucca, pinoli uvetta;
Bagoss di Bagolino: Focaccia croccante imbottita con burrata di Alberobello, crudo di Parma 22 mesi;

I dolci di Gianni Pina
Pasticceria Pina, di Trescore Balneario (Membro fondatore e già presidente dell’Accademia Italiana Maestri Pasticcieri): Soffio d’Oriente, mousse al mango con sentore di coriandolo e ananas flambato al Grand Marnier.

 

Maria Michele Pizzillo
Newsfood.com

Related Posts
Leave a reply