Il Gruppo Star – 600 milioni di euro di fatturato nel 2005 – è una delle più importanti realtà del settore alimentare in Padania, l’azienda è nata il 19 giugno 1948,
quando Danilo Fossati diede vita a una piccola società per la produzione di tavolette per il brodo.

La prima sede fu a Muggiò, in Brianza. Al primo dado italiano si sono successivamente affiancati nuovi prodotti e, nella prima metà degli anni 50, la Star era già
collocabile fra le principali aziende alimentari nazionali. Negli anni 60 e 70 l’azienda, che nel frattempo si era spostata nell’attuale insediamento di Agrate Brianza (Milano), si espandeva
ulteriormente e, nel 1972, acquisì la Mellin prodotti per l’infanzia.

Oggi il gruppo conta un migliaio di dipendenti e opera principalmente nelle aree dei brodi e degli insaporitori, del pomodoro e dei sughi pronti, del tè e delle infusioni, del tonno e
dell’olio di semi vari con marchi quali Star, Pummarò, Sogni d’Oro, GranRagù, Orzo Bimbo e Olita che sono divenuti parte dell’immaginario e del vissuto delle famiglie italiane. Ai
marchi storici italiani si affianca Grand’Italia, che in Olanda è ormai sinonimo di prodotti originali della tradizione culinaria italiana.

«Una forza e una credibilità – si legge nel sito internet dell’azienda – costruite nel tempo attraverso la ricerca costante della qualità e del servizio per i consumatori.
Ricerca, costanti investimenti al sostegno dei marchi, flessibilità organizzativa sono il “segreto” di Star».

La struttura industriale del Gruppo Star è composta da due stabilimenti. A quello storico di Agrate Brianza si è aggiunto quello ubicato a Miajadas (nell’Extremadura, Spagna)
specializzato nella lavorazione del pomodoro. In quest’ultimo settore l’azienda possedeva uno stabilimento anche a Corcagnano, a pochi chilometri da Parma, dove lavoravano circa un centinaio di
persone, ma nel gennaio di quest’anno l’azienda ha raggiunto un accordo con i sindacati per la chiusura dello stabilimento che ha portato al trasferimento dei sughi ad Agrate e alla cessione
del pomodoro all’Emiliana Conserve.

Pochi altri prodotti sono presenti nella storia italiana da così tanto tempo e con una tale continuità come quelli di marca Star. E pochi marchi, come alcuni capostipite
dell’assortimento Star, sono stati protagonisti così a lungo nella comunicazione.

Seguendo l’evoluzione dei costumi e dei linguaggi, Star ha cercato nel tempo di adattare l’offerta dei propri prodotti ai cambiamenti delle abitudini alimentari e di essere sempre vicina ai
consumatori attraverso comunicazioni coinvolgenti e di successo. Se si guarda alla storia della pubblicità Star, si nota la ricorrenza di alcuni temi base, sintetizzati in slogan che
ancora tutti ricordano. È il caso di “Tutto il sapore di casa mia” (anni 80), di “Star è sempre con me” (anni 90) e, dall’inizio del nuovo millennio, di “Star. Il tuo segreto in
cucina”, dove torna un tema “storico” di Star (appunto il segreto) presente già nelle pubblicità dei primi anni 60.

Con questa coerenza, Star si è ritagliata un posto unico nella memoria collettiva dei consumatori e nella cultura alimentare del Bel Paese. Ben nove famiglie su dieci usano prodotti
Star.