Gusturismo: Cantine aperte a Ostra Vetere, Carnevale a Borgosesia e la festa inizia

Gusturismo: Cantine aperte a Ostra Vetere, Carnevale a Borgosesia e la festa inizia

28 gennaio 2015
Sono ben 14 le cantine aperte, dai nomi divertenti e stravaganti, pronte a servire carne alla brace, zuppa di legumi, vincisgrassi bianchi e rossi, tagliatelle ai ceci, stoccafisso alla montenovese, dolci tradizionali e molto altro ancora per Montenovo in festa l’evento di Ostra Vetere in provincia di Ancona che dal 30 gennaio al 1 febbraio allieterà tutti i buon gustai.
Nei tre giorni della manifestazione, inoltre, Ostra Vetere offrirà ai visitatori moltissimi momenti di animazione a partire proprio dalle cantine, in ognuna delle quali saranno organizzati spettacoli musicali; venerdì, sabato e domenica si esibiranno lungo le vie del centro diversi gruppi folkloristici, mentre sabato si balla a ritmo di pizzica. Anche quest’anno non mancheranno le mostre di arte e antiquariato, il mercatino di prodotti tipici nel Loggiato e l’animazione per i più piccoli.
L’usanza delle cantine aperte nasce per ricordare una merla e i suoi pulcini, in origine bianchi, che si rifugiarono in cerca di calore dentro un comignolo dal quale emersero dopo tre giorni tutti neri a causa della fuliggine. Per chi è alla ricerca del calore che solo la convivialità e le atmosfere di una volta riescono a regalare, vale la pena raggiungere Ostra Vetere. E così, attraversando le caratteristiche vie del centro illuminate da fiaccole e seguendo le indicazioni di antiche insegne, si potrà riscoprire il piacere di “magnà e bè n’te le cantine come ‘na volta” assaporando i piatti tipici della tradizione marchigiana su tavole imbandite secondo le antiche usanze.
Arroccata su piccoli altopiani nel cuore delle colline marchigiane, Ostra Vetere deve la sua attuale denominazione a un regio decreto del 1882; in precedenza, infatti, si chiamava Montenovo e una leggenda narrava che fosse stata fondata dai profughi dell’antica città romana di Ostra, scampati alla distruzione della città da parte dei Goti nel 409 d.C. Dalla chiesa di Santa Lucia a Palazzo Marulli, dal Chiostro di San Francesco con la sua torre campanaria fino al Palazzo Comunale, il paese conserva ancora intatte molte tracce del suo passato; spettacolare è la cerchia muraria che la cinge, sulla quale si aprono tre antiche porte di ingresso, con i suoi caratteristici “androni”, dei porticati addossati alle mura del versante che si affaccia sulla valle del Misa. Per chi vorrà fermarsi qualche giorno in più da queste parti, le dolci colline dove sorge Ostra Vetere e il mare di Senigallia restano sempre un ottimo diversivo per famiglie e non solo. Per info 3408505381
Torna il Carnevale a Borgosesia, il “re” Peru Magunella e la sua regina e fedele compagna Gin prendono le chiavi della città e inizia la festa. Tra leggende, tradizioni e piatti di “busecca” e  fagiolata sarà un Carnevale gustoso ed eccitante nell’attesa di giungere al tanto desiderato ed unico evento in Italia: il Mercu Scurot, ovvero, il funerale del carnevale.
Quattro settimane di feste, eventi,  gustosi piatti della tradizione di Magunopoli, questo era il nome, un tempo, di Borgosesia che fino al 18 febbraio segna il confine tra la leggenda e la realtà, e chissà che la prima non sia meglio della seconda.
È qui che i carri allegorici –  colossi di cartapesta – saranno i protagonisti della cittadina della Valsesia, dove il carnevale nato nel lontano 1854, è tanto importante che è proprio qui che ha avuto origine 1983 la prima  scuola della cartapesta per la realizzazione dei carri allegorici che vede coinvolti artisti importanti come Guidubaldo Francesconi e Fabrizio Galli del Carnevale di Viareggio.
Rullano i tamburi, sale la tensione, son quasi tutti pronti, da ben 128 anni per la tanto attese sfilate, in tutto tre, che mostreranno i carri in tutto il loro splendore, perchè è qui che si contende il Palio dei Rioni. Ma le maschere non saranno solo su “quattro ruote” ma anche a piedi e alla più bella tra queste andrà il premio del Minipalio.
Numerosi sono gli eventi che si susseguiranno nel corso delle tre settimane dedicate al Carnevale.
La settimana dal 29 al 31 gennaio, sempre nei locali della Pro Loco, ci sarà il Magunella Bierfest, festa a tema bavarese con stinchi, wurstel, salsicce, crauti e litri di birra a caduta con concerti e serate danzanti. Domenica 1 febbraio si entra nel vivo del Carnevale con la prima delle tre sfilate di carri allegorici.

fuoriporta.org
per Newsfood.com

Related Posts
Leave a reply